#perpiacenza2020

Il creativo Guglielmoni: “Reinventarsi per attirare turismo culturale”

9 febbraio 2018

Paolo Guglielmoni è tornato a Piacenza, la città dove è nato e vissuto fino ai 18 anni. Poi l’addio e la carriera per il mondo: filosofo, copywriter, direttore creativo, insegnante al Naba, comunicatore.

Ora Paolo, uno dei creativi virali più stimati a livello internazionale (sue le campagne pubblicitarie di Breil e Amaretto di Saronno), tornato nella sua città, spera che Piacenza diventi Capitale italiana della cultura 2020: “Ci sono aziende piacentine che hanno solo bisogno di reinventare le attuali realtà enogastronomiche, artistiche e culturali, per trasformare tutta la cultura piacentina in vista di un nuovo turismo estremamente innovativo e in grado di contagiare e di far parlare di sé. In una parola di un turismo culturale in grado di diventare virale”.
Secondo il piacentino, le zone da riqualificare e valorizzare, in vista del 2020, sono quelle ex demaniali: “Dovrebbero diventare invece dei luoghi di invenzione, di progettazione, degli spazi in cui sperimentare la città del turismo del futuro”.

CATEGORIE: Cultura e Spettacoli Piacenza

NOTIZIE CORRELATE

×

Newsletter di Liberta.it

E' disponibile la newsletter di Libertà!

Per voi la possibilità di ricevere i nostri contenuti del giorno direttamente nella vostra casella e-mail.

Iscrivetevi subito! Non sono interessato, non mostrare più l'avviso