Caruso arrestato

Il sindaco in lacrime: “Irresponsabile, pronti a costituirci parte civile”

27 giugno 2019

L’immagine del presidente del consiglio comunale di Piacenza Giuseppe Caruso seduto al ristorante accanto al boss della ‘ndrangheta Salvatore Grande Aracri “è scioccante”. Il pensiero fa scendere le lacrime al sindaco di Piacenza, Patrizia Barbieri, intervistata dal direttore di Libertà Pietro Visconti nel suo ufficio di Palazzo Mercanti. Barbieri è stata svegliata nella notte tra lunedì e martedì per la notizia dello sconcertante arresto del presidente del consiglio Giuseppe Caruso che poche ore prime aveva salutato al termine della seduta a Palazzo Mercanti.
Il sindaco non esclude la costituzione di parte civile del Comune nell’eventuale processo e auspica al più presto le dimissioni del presidente del consiglio che dovrebbe “chiedere scusa per aver fatto del male alla città”. “Piacenza non meritava tutto questo. Noi non potevamo accorgercene perché non c’erano carichi pendenti. Non si va a cena con un noto esponente della ‘ndrangheta, neanche un caffè. Siamo vittime di un irresponsabile che non doveva candidarsi”.

LEGGI I DETTAGLI IN EDICOLA CON IL QUOTIDIANO LIBERTA’

 

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Economia e Politica Piacenza

NOTIZIE CORRELATE