Da Saliceto a Roma

La vitella Lou donata al Papa. L’allevatore: “Una emozione unica”

13 settembre 2017

Lou, la vitella da latte di 380 chili nata un anno fa nell’azienda Gramigna di Saliceto di Cadeo, è arrivata nella sua nuova casa, nella villa pontificia a Castelgandolfo, accompagnata da 50 piacentini partiti da Roveleto di Cadeo. Alle 12.17 di mercoledì 13 settembre, è stata consegnata dall’allevatore Angelo Gramigna a Papa Francesco, al termine dell’udienza in piazza San Pietro.

Molta la commozione: “Stringere la mano al Santo Padre e mostrargli la vitella che ho allevato per un anno e che ora dono alle fattorie del Vaticano è stata un’emozione unica – ha spiegato Gramigna -. Lou si chiama così perché quando tornavo da Lourdes sono stato operato d’urgenza per un problema grave di salute – ha proseguito -. Dopo quattro mesi dove sono stato più morto che vivo sono potuto tornare nelle nostre stalle. Lou è nata quel giorno, bianca. Per me è difficile separarmi da lei, è parte di me, ma sarà la regina delle fattorie pontificie. Non mi fermo, vorrei donare ancora due vitelli ai terremotati”.

“Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato in questa bell’impresa – ha concluso l’allevatore -, a cominciare da padre Luigi Mezzadri e dalla professoressa Silvana Bertoncini, ma anche l’azienda Fugazza che si è occupata del trasporto di Lou e la Coldiretti che ha seguito tutta la parte legata alla documentazione per il trasferimento dell’animale”.

Presente anche il direttore di Coldiretti, Giovanni Luigi Cremonesi. Donati anche un cesto di prodotti, il gagliardetto del Comune di Piacenza e un libro su Botticelli.

L’azienda piacentina “Gramigna Rodolfo Roberto e Angelo” di Saliceto è dedita alla coltivazione di cereali e all’allevamento di circa 350 animali da latte. “Questa realtà – commenta Cremonesi – è un grande esempio dello spirito che contraddistingue i coltivatori diretti. Sono persone che dedicano la loro vita al lavoro ma non dimenticano mai di rendere grazie per i doni che ricevono”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE