"Vogliamo un presidio fisso"

Maxi rissa di via Pozzo, nigeriano sanzionato per ubriachezza molesta. I residenti sono esasperati

30 ottobre 2017

 

Un nigeriano di 34 anni è stato sanzionato per ubriachezza molesta in seguito alla maxi rissa della sera di domenica 29 ottobre in via Pozzo, nella quale sono rimaste coinvolte circa un centinaio di persone. Un episodio che ha portato alla esasperazione i residenti e i commercianti della zona, testimoni involontari di continui fatti di cronaca nera.

“Vogliamo un presidio fisso delle forze dell’ordine – è la voce comune che si leva da chi quotidianamente assiste, soprattutto nel tardo pomeriggio e alla sera, a scene di piccola o grande inciviltà -. Sono dieci anni che lo chiediamo”.

Bevono grandi quantità di birra – spiega una residente -, si ubriacano e poi urinano contro i cassonetti della spazzatura. Non possiamo nemmeno sgridarli – prosegue – perché sono ubriachi e pericolosi. E per buttare l’immondizia dobbiamo andare a un altro cassonetto”.

Schiamazzi, liti, minacce, sono l’origine della paura ad uscire di sera che obbliga chi abita nella via a rimanere rinchiusi in strada. “E’ pericoloso soprattutto per le giovani – prosegue la donna intervistata, che per paura di ritorsioni preferisce non svelare la sua identità -. Ieri sera, poi, non si riusciva nemmeno a sentire la tv da tanto urlavano”.

“Non è giusto che i piacentini debbano andarsene da questa zona – racconta un’altra intervistata -. C’è bisogno di maggiori controlli anche a monte, prima che questa gente arrivi in Italia”.

 

 

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE