Agroalimentare

Campus della Cattolica a Cremona, sindaco Barbieri preoccupata

27 novembre 2017

Nell’istante in cui ha appreso che tra due anni nascerà a Cremona un campus universitario dell’Università Cattolica tutto incentrato sull’agroalimentare ha detto di aver sentito “un brivido correre lungo la schiena”. E non ha nascosto la sua “forte preoccupazione per quanto sta accadendo a trenta chilometri da qui – aggiungendo di – non aver gradito il silenzio assordante della comunità piacentina”.

Il sindaco Patrizia Barbieri ha voluto condividere con il Consiglio comunale, ieri in apertura di seduta, i suoi sentimenti suscitati dalla notizia di un accordo di programma, siglato nei giorni scorsi, tra il rettore della Cattolica Franco Anelli, il cavalier Arvedi, la Regione Lombardia, il Comune e la Provincia di Cremona, per la nascita tra due anni di un nuovo campus universitario dedicato all’agroalimentare che sarà ricavato nell’ex convento di Santa Monica che nel frattempo sarà ristrutturato. “Food made in Italy”, il nome del programma che prevede percorsi universitari incentrati sui settori della carne, del dolce e del lattiero-caseario. «Voglio pensarla in positivo, cioè che sia una occasione di crescita e che non sia un’operazione per impoverire Piacenza, però tranquilla non la sono», ha concluso il sindaco.

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE

×

Newsletter di Liberta.it

E' disponibile la newsletter di Libertà!

Per voi la possibilità di ricevere i nostri contenuti del giorno direttamente nella vostra casella e-mail.

Iscrivetevi subito! Non sono interessato, non mostrare più l'avviso