Studio di fattibilità

Nuovo ospedale: “Pertite e caserma Lusignani idonee, decideranno i cittadini”

5 dicembre 2017

Lo studio di pre-fattibilità ritiene che sia l’area dell’ex caserma Lusignani a Sant’Antonio sia quella dell’area ex Pertite siano idonee a ospitare il nuovo ospedale di Piacenza. E la Regione ha confermato di essere pronta ad accollarsi una quota “significativa” dei costi della nuova struttura: finanziamenti che non verrebbero meno anche se la città dovesse scegliere una terza opzione, come potrebbe essere quella dell’area messa a disposizione dall’Opera Pia Alberoni. “Farò decidere ai piacentini dove vogliono il nuovo ospedale. Lunedì riferirò in consiglio comunale dopodiché faremo partire un percorso partecipato che coinvolgerà tutti i portatori di interesse della città”. Questo l’annuncio del sindaco Patrizia Barbieri al termine del doppio confronto a Bologna sul progetto del nuovo nosocomio: questa mattina, martedì 5 dicembre, con l’Agenzia del Demanio regionale e nel pomeriggio con il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, l’assessore regionale alla Sanità Sergio Venturi, il direttore generale dell’Ausl Luca Baldino, la presidente della Conferenza socio-sanitaria Patrizia Calza e i sindacati (erano presenti Gianluca Zilocchi per la Cgil, Marina Molinari per la Cisl, Francesco Bighi per la Uil e Luigino Baldini per lo Spi-Cgil).

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza