Aumento dei costi

Camionisti contro il nuovo divieto per il ponte di Pievetta

2 febbraio 2018

Un gruppo di camionisti piacentini prende posizione contro la chiusura ai mezzi sopra le 3,5 tonnellate del ponte di Pievetta, tra Castelsangiovanni e Pieve Porto Morone: “Non è supportata da nessuno studio scientifico – hanno dichiarato al quotidiano Libertà in edicola Fausto Maini e Romano Costa, in rappresentanza di una trentina di autotrasportatori – ma su una prova visiva che da sola non basta a motivare una misura così invasiva che crea un danno enorme a tutta la comunità di Castelsangiovanni».
La decisione era stata presa dopo che la prefettura di Piacenza aveva disposto un sopralluogo da parte dei vigili del fuoco i quali, in base ad un’indagine visiva, avevano stilato una relazione allarmante.
Gli autotrasportatori stimano per la loro categoria maggiori costi per centinaia di migliaia di euro dovuti a tragitti più lunghi, con conseguente maggiore usura delle gomme, più spese per il carburante e anche un aumento dell’inquinamento.

TUTTI I DETTAGLI SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Val Tidone

NOTIZIE CORRELATE