Negli appalti pubblici

Rinnovato il protocollo della legalità e lotta alle infiltrazioni mafiose

17 maggio 2018

E’ stato rinnovato questa mattina in Prefettura – dal prefetto Maurizio Falco, dal presidente della provincia Francesco Rolleri, e dai sindaci dei comuni di Agazzano, Gazzola, Gragnano e Piozzano – il protocollo per la lotta alle infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici. Presenti gli amministratori locali e le forze dell’ordine, due realtà dello Stato coese nella lotta alla criminalità organizzata.

Non un atto burocratico, ma una attenzione alla penetrazione della criminalità organizzata, che sta cambiando metodi di infiltrazione rendendo necessarie procedure amministrative articolate e azioni di prevenzione.

L’importanza del controllo preventivo, un lavoro delicato, spesso svolto dalle forze dell’ordine lontano dai riflettori della comunicazione, è stata sottolineata dal questore Pietro Ostuni, dal comandante provinciale dei carabinieri colonnello Corrado Scattaretico, e dal comandante provinciale della Guardia di Finanza  colonnello Daniele Sanapo.

Il messaggio che il prefetto ha voluto trasmettere ai cittadini è la vicinanza al territorio, che si manifesta nella collaborazione tra le forze dell’ordine e la pubblica amministrazione, e che permettere di raggiungere risultati come quello di qualche giorno fa della restituzione alla collettività di un capannone confiscato alla mafia a Calendasco.

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE