Sarmato

Il giardino del castello devastato dalla furia della tempesta. Com’era

11 agosto 2018

Nessuno si è fatto male e questa è la prima considerazione fondamentale guardando quello che è successo nel giardino del castello di Sarmato. In pochi minuti, nel tardo pomeriggio di giovedì 9 agosto, la furia del vento accompagnata da pioggia e grandine, ha devastato l’area verde di proprietà dei conti Zanardi Landi. A terra sono rimaste le lastre che si sono staccate dalla torre del castello, i rami degli alberi sono stati sradicati e sono precipitati a terra, una pianta ha distrutto il tetto di un piccolo edificio, i vasi enormi che normalmente vengono spostati con il muletto sono stati capovolti e poi ancora panchine e tavolini finti in piscina. “E’ tutto devastato – constata Maria Ines Zanardi Landi, moglie del conte Carlo – sono particolarmente dispiaciuta perché sono io a occuparmi di questo giardino; i tassi secolari spezzati sono anche inseriti nel libro dei giardini storici piacentini, ora è desolante vederli in questo stato. Il nostro custode ha visto il vortice della tromba d’aria in cortile e per fortuna è riuscito subito a ripararsi in casa”.

A fare la conta dei danni è anche Maria Luisa Zanardi Landi. “Abbiamo sentito il rumore delle tegole che precipitavano, sembrava un bombardamento, poi è arrivata anche la grandine. Era già capitato un po’ di tempo fa e avevamo appena finito di ripristinare i danni precedenti”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE