Scuola a sei giorni dal via

Bidelli, 600 convocati per 180 posti. I sindacati: “Mancano ancora 400 insegnanti”

11 settembre 2018

C’è chi è precario da un anno e chi da più di dieci, chi arriva dalla provincia di Piacenza e chi ha affrontato un viaggio di centinaia di chilometri; ragazzi e ragazze giovani accanto a persone più esperte. Nel pomeriggio di martedì 11 settembre, 400 collaboratori scolastici, si sono radunati all’aula magna del Raineri-Marcora per le nomine dalle graduatorie di istituto che fanno seguito alle nomine dalle graduatorie provinciali. Quella di oggi era l’ultima chiamata per il personale Ata, le posizioni disponibili per tutto l’anno negli istituti piacentini sono 180, i convocati 600. Molti di loro in attesa della convocazione per il posto annuale hanno svolto altri lavori.

A sei giorni dall’inizio dell’anno scolastico (previsto in provincia per lunedì), in base ai dati forniti dai sindacati, mancano ancora 400 insegnanti. “Non sono ancora state fatte le nomine di seconda e terza fascia di medie e superiori, ci sono scuole dove mancano anche 40 docenti. Purtroppo le graduatorie non sono ancora pronte perché c’era una coda di inserimento dei docenti neospecializzati sul sostegno e dunque arriviamo lunghi ma non troppo di più degli altri anni. L’aspetto positivo è la Scuola polo che rappresenta un momento di trasparenza e correttezza” ha commentato Paola Votto, segretario Cisl Scuola di Parma e Piacenza.

Tutta questa settimana e gran parte della prossima saranno dedicate alle assegnazioni. “Questa situazione dà la misura della precarietà del mondo della scuola. Non si è ancora riusciti a dare stabilità al personale e quindi la qualità e l’offerta formativa e prospettive di vita più certe a persone che hanno dato tanto alla scuola” ha aggiunto Manuela Calza segretario di Flc Cgil di Piacenza.

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE