La storia a lieto fine

Venti giorni di cammino e cento chilometri percorsi: l’odissea di Masker

12 ottobre 2018

20181011-194018.jpg

Venti giorni di viaggio e oltre cento chilometri percorsi tra avvistamenti, ricerche di cibo lungo il cammino e un lieto fine che ha consentito ad una famiglia pavese di riabbracciare il proprio cane quando ormai le speranze erano ridotte al lumicino.

È accaduto ieri, lungo la statale 45, all’altezza di Rivergaro, quando le guardie zoofile della Lega Nazionale Difesa del Cane, coadiuvati da carabinieri e polizia municipale, sono riusciti ad intercettare un cagnolino randagio che, una volta controllato con il lettore di microchips, è risultato essere Masker.

Si tratta di un meticcio di due anni che, a metà settembre, era sfuggito al controllo dei padroni mentre si trovavano nei boschi del monte Lesima per la classica scampagnata domenicale. Dopo alcune segnalazioni giunte dalla zona di Varzi, un lungo silenzio prima del finale fatto di carezze e anche di qualche lacrima: l’odissea di Masker si è conclusa.

© Copyright 2018 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE