Polizia

Due giovani trovati con la droga, uno aggredisce i poliziotti. Arrestato

20 novembre 2018

Due giovani fermati in automobile dalla polizia per un normale controllo sono stati trovati in possesso di marijuana. Uno dei due, un trentaduenne egiziano coinvolto nei disordini del febbraio scorso a Piacenza (durante i quali fu ferito un carabiniere), una volta in questura avrebbe perso la testa aggredendo due agenti a calci e pugni. E’ accaduto lunedì mattina, 19 novembre, intorno alle 11. I due a bordo di una Fiat Punto sono stati fermati dalla volante per un controllo in via Madre Teresa di Calcutta, trasversale di corso Europa. Dal momento che avevano in macchina un paio di barattoli contenenti sei grammi di marijuana e un cacciavite lungo 17 centimetri sono stati condotti in questura dove sono stati identificati: si tratta di un lodigiano di 36 anni e di un egiziano di 32 anni, entrambi residenti a Piacenza ed entrambi con precedenti penali.

I due sono stati denunciati per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e il lodigiano anche per il porto abusivo di oggetto da offesa, in quanto sull’auto da lui guidata è stato trovato il cacciavite. Poi improvvisamente l’egiziano avrebbe insultato e minacciato gli agenti aggredendone due che sono finiti all’ospedale. L’egiziano appartenente al sindacato Si Cobas è stato così arrestato con l’accusa di resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L’arresto della polizia è stato convalidato e il processo rinviato. Per l’imputato è stato disposto l’obbligo di firma giornaliero.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE