Indagini della Polizia Municipale

Adescavano clienti, soprattutto anziani: sgominata attività di prostituzione nel quartiere Roma

22 novembre 2018

Centosettanta euro per l’alloggio settimanale più venti euro di provvigione su ogni rapporto sessuale. La polizia municipale di Piacenza ha sgominato un giro di prostituzione radicato nel quartiere Roma, dove tre donne – una serba di 48 anni, un’albanese di 49 anni e un’ecuadoregna ultrasessantenne – adescavano clienti per lo più anziani e li portavano in un appartamento in via Mignone per consumare l’atto.

L’attività era gestita da una cittadina brasiliana pregiudicata, locataria dell’abitazione e destinataria di parte dei proventi illeciti delle ragazze. La sudamericana è stata condotta dalle forze dell’ordine a bordo di un aereo diretto al paese d’origine, con un provvedimento immediato d’espulsione e l’accusa di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. I frutti dell’indagine – durata oltre otto mesi tra appostamenti e pedinamenti particolarmente complicati – sono stati presentati in conferenza stampa dal comandante del corpo della Polizia Municipale Giorgio Benvenuti, dall’ispettore capo Massimo Mingardi e dall’assessore alla sicurezza Luca Zandonella.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE