Atto di inciviltà

Rubato il defibrillatore dell’oratorio di Castelsangiovanni. L’appello: “Restituitelo”

3 dicembre 2018

“Un atto di estrema inciviltà, di idiozia, che lede l’intera comunità”. Daniela Aschieri, presidente di Progetto Vita, non usa mezzi termini per definire il furto del defibrillatore in via Gazzotti a Castelsangiovanni, nell’oratorio parrocchiale.
“E’ uno strumento salvavita – aggiunge – rubarlo può fare davvero male a qualcuno. Se una persona è in arresto cardiaco, questo strumento è infatti l’unica terapia possibile per strapparla dalla morte”.

Tutti i defibrillatori sono tracciati e hanno un identificativo che è necessario fornire quando si cambiano le parti consumabili (piastre e batteria). In altre parole, con un defibrillatore rubato si va poco lontani.
Il furto è già stato denunciato ai carabinieri.
Che si tratti di un furto fine a se stesso o di un vandalismo, l’appello di Progetto Vita è uno solo: “Riportatelo“.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Val Tidone

NOTIZIE CORRELATE