Cucina e solidarietà

Accademia della Cucina Piacentina, cena di fine corso. Ricavato alla Casa di Iris

29 gennaio 2019

Cena di fine corso, sabato 26 gennaio, per gli allievi dell’ultimo percorso culinario sui piatti della tradizione locale, allestito dai cuochi gentleman dell’Accademia della Cucina Piacentina.

Un percorso di dieci lezioni, tra i fornelli e la sala, per imparare a destreggiarsi tra tortelli e stracotto, anolini e “picula ad caval”: percorso che 16 studenti di tutte le età e livelli d’esperienza in cucina hanno affrontato, nelle scorse settimane, sotto la guida del corpo insegnanti composto dai migliori cuochi “gentlemen” dell’Accademia. Come di consuetudine, il corso prevedeva un informale test conclusivo per valutare se i partecipanti avessero assimilato tutti i trucchi di una cucina, forse povera negli elementi, ma ricca di sapori e significati: ideare un menù e cucinare un vero momento conviviale per amici e parenti, curiosi di conoscere l’associazione e assaggiare le sue prelibatezze.

Proposta che ha superato tutte le migliori aspettative, arrivando al “tutto esaurito” nella prestigiosa sede dell’Accademia della Cucina Piacentina di Via Gaspare Landi.

La serata aveva infatti l’obiettivo, oltre che di testare le capacità in cucina, di aprire i cuori dei commensali al fine di aiutare i nostri concittadini che stanno affrontando un percorso doloroso contro malattie più forti della tenacia stessa. La scelta dell’Accademia è stata di devolvere l’intero ricavo della serata a favore della “Casa di Iris” al quale l’associazione è legata per motivi di affetto e riconoscenza ed ai clown in corsia dell’Associazione” Operatori del Sorriso di Croce Rossa Piacenza gli Inkollati”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE