Ispettori ambientali di Iren

Raccolta differenziata, multe quasi triplicate a Piacenza nel 2018

11 febbraio 2019


Per tanti piacentini che svolgono correttamente la raccolta differenziata ce ne sono altri che mischiano i rifiuti vanificando in parte l’impegno dei concittadini zelanti. Nelle casse del Comune di Piacenza nel 2018 sono entrate 7.138 euro derivanti dalle 43 sanzioni elevate dagli ispettori ambientali di Iren, una somma simbolica frutto di 96 controlli (71 programmati e 25 richiesti) che, spiega l’assessore all’Ambiente Paolo Mancioppi “non hanno scopo punitivo ma hanno l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione e rispettare chi svolge puntualmente la differenziazione dei rifiuti”. Le multe nel 2018 sono più che triplicate rispetto all’anno precedente ed è intenzione dell’amministrazione incrementare ulteriormente i controlli anche perché nel 2019 con l’estensione al centro storico, verrà completato il sistema di raccolta condominiale e porta a porta e verranno progressivamente eliminati i cassonetti verdi dell’indifferenziato dalle strade. Ad analizzare i rifiuti sono gli ispettori ambientali che prelevano dai cassonetti i contenitori e se, attraverso documenti o altri riferimenti, riescono a risalire al trasgressore, elevano la sanzione. L’assessore Mancioppi, così come la nostra redazione, riceve quasi quotidianamente segnalazioni di rifiuti ingombranti come mobili o elettrodomestici abbandonati accanto ai cassonetti. “Esiste un servizio gratuito di Iren per il ritiro dei rifiuti ingombranti a domicilio” ricorda l’assessore. Il numero verde da contattare è 800 212607. Il materiale può anche essere consegnato direttamente alle isole ecologiche che a Piacenza si trovano in Strada Valnure, via Pastore e via XXIV Maggio.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza