Maltrattamenti in famiglia

Minaccia la madre adottiva: trentenne piacentino arrestato

12 febbraio 2019

I carabinieri della sezione Radiomobile della compagnia di Piacenza, sabato scorso, hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia un 30enne tossicodipendente piacentino pregiudicato.

Il giovane è stato fermato dai carabinieri al termine di una violenta lite con la madre adottiva, che ha poi denunciato le angherie subite nel corso del tempo. E’ stata proprio la vittima ad allertare il 112, con i militari prontamente intervenuti sul posto. Il 30enne, dopo essere caduto nel tunnel della tossicodipendenza, ha iniziato a vessare i propri familiari, la madre adottiva e il figlio naturale di quest’ultima, pur di ottenere il denaro utile all’acquisto della droga, generando nelle vittime un incessante stato di ansia e paura.

La donna ha raccontato ai carabinieri che già in precedenza aveva subito minacce, sfociate il più delle volte in aggressioni fisiche e verbali. In particolare ha riferito come nei giorni scorsi il giovane, brandendo una mannaia, dopo l’ennesima lite abbia danneggiato il mobilio e i serramenti dell’abitazione. Gli uomini dell’Arma, vista la flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, hanno quindi arrestato il tossicodipendente, che è stato poi condotto in carcere a Piacenza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza