Piacentino in manette

Coltivava in casa marijuana di ottima qualità, arrestato grazie alla segnalazione dei vicini

22 marzo 2019

Un piacentino, piccolo imprenditore di buona famiglia, è stato arrestato dalla sezione antidroga della squadra mobile della questura di Piacenza per coltivazione e spaccio di sostanza stupefacente. Dopo una segnalazione dei vicini di casa, gli agenti hanno effettuato una perquisizione del suo appartamento nella zona di quartiere Roma e hanno trovato di fianco alla camera da letto una serra ben attrezzata, addirittura con una mini lavatrice per estrarre la resina dalla marijuana e produrre hashish. In casa c’era tutto l’occorrente per il confezionamento, a cominciare da bilancini e bustine.
Il trentatreenne, che vive da solo, ha precedenti specifici anche per spaccio di ecstasy, già a partire da quando aveva 18 anni.
Gli agenti della questura hanno trovato 18 piante di marijuana da circa 1 metro in vari stadi di crescita, un chilo di “erba” essiccata e 65 g di hashish.

Il piacentino si è definito “un appassionato”, al punto di studiare le migliori tecniche di coltivazione: si preoccupava, infatti, dell’acquisto dei semi e del terriccio più idoneo, in fase di maturazione faceva dei taglietti alle piante in modo che producessero più principio attivo.
Sono stati trovati anche 825 euro, probabilmente provento di spaccio.
“Elemento significativo – ha sottolineato la polizia – è l’alta qualità della marijuana trovata, proprio in virtù della sua passione e conoscenza del settore”.

Il giovane è stato messo ai domiciliari.

.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE