Una settimana di protesta

Gls e facchini sul tetto, il prefetto: “Tutti siano responsabili”

24 aprile 2019

“Incontrerò i lavoratori se scenderanno dal tetto, la protesta deve cessare”. Ecco la condizione posta dal prefetto Maurizio Falco per dar corso a un vero dialogo.

Il prefetto interviene l’indomani dalla richiesta di Gls di far sgomberare il tetto dell’hub piacentino su cui da una settimana si sono accampati i facchini “per arbitraria invasione e occupazione di azienda aggravata” ha scritto nero su bianco la multinazionale, che non esita a definire la protesta “pretestuosa” e che oggi non parteciperà all’incontro.

I licenziamenti intimati dalla società fornitrice di servizi, per Gls “sono avvenuti dopo regolari procedure disciplinari per condotte illecite di natura individuale”. Tesi rigettata dall’Usb mentre la protesta è intanto arrivata alla ribalta nazionale, sia per il valore simbolico sia perché Piacenza ha un peso riconosciuto sul fronte logistico.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza