#perpiacenza2020

“Giorgio Armani e i fratelli Inzaghi testimonial per Piacenza”. Lo dicono i piacentini

13 febbraio 2018

I testimonial più rappresentativi di Piacenza? Giorgio Armani e i fratelli Inzaghi, ma anche Giuseppe Verdi e i duchi Farnese. I luoghi più rappresentativi? Il Duomo e palazzo Farnese e in provincia la Valtrebbia e Castell’Arquato. Tra i beni culturali spiccano i cavalli del Mochi, la cupola del Guercino ma anche il fegato etrusco, mentre tra le iniziative più importanti emergono i Venerdì piacentini. E qual è il prodotto tipico che meglio rappresenta Piacenza?: ovviamente la coppa.

Sono soltanto alcuni dei risultati della indagine “Piacenza capitale della cultura?” condotta tra l’ottobre e il gennaio scorsi dalla facoltà di Economia dell’Università Cattolica di Piacenza in collaborazione con i licei Colombini e San Benedetto, per fotografare la consapevolezza dei piacentini sui valori aggiunti della propria città e provincia, spendibili a livello nazionale e internazionale e attrarre turismo.

Mille intervistati, cinque le aree di interesse: i luoghi rappresentativi, i prodotti simbolo, le iniziative di valore, i personaggi famosi, i beni culturali. Oltre a una piccola indagine – condotta quando ancora la copertura mediatica e informativa non era ancora partita del tutto – sul grado di conoscenza della candidatura di Piacenza a Capitale della Cultura 2020 da parte dei piacentini.

CATEGORIE: Cultura e Spettacoli Provincia

NOTIZIE CORRELATE