Salvo eccezioni

Pensioni, l’Inps conferma il pagamento il primo giorno utile di ogni mese

9 gennaio 2018


Il pagamento delle pensioni continuerà ad avvenire il primo di ogni mese, salvo che non si tratti di giorno festivo o non bancabile. In quel caso slitterà al successivo giorno utile.

Lo ha precisato l’Inps, richiamando una recente norma approvata dal Parlamento con la “Legge di bilancio 2018”, che ha modificato il calendario dei pagamenti delle prestazioni previdenziali, dei trattamenti pensionistici, degli assegni, pensioni e le indennità di accompagnamento erogati agli invalidi civili.
Tutto nasce da una legge del 2014, che indicava nel secondo giorno bancabile di ogni mese la scadenza entro la quale l’Inps doveva provvedere ai pagamenti. Nel 2017, un decreto stabilì che il termine venisse anticipato al primo giorno utile di ogni mese, la recente Legge di bilancio lo ha confermato anche per il futuro.
Pertanto, da quest’anno i trattamenti pensionistici saranno effettuati il primo giorno bancabile di ciascun mese, o il giorno successivo se si tratta di giornata festiva o non bancabile, con un unico mandato di pagamento. Gli slittamenti già previsti sono per aprile (l’1 sarà Pasqua e il 2 Pasquetta), maggio e novembre, mesi che iniziano con una festività.
Unica vera eccezione prevista è per il mese di gennaio, nel quale l’erogazione sarà ancora eseguita il secondo giorno bancabile.
C’è inoltre una differenza nei mesi di settembre e dicembre tra Poste italiane e sistema bancario, dovuta all’apertura di sabato degli uffici postali, condizione che consente alle Poste di poter operare un giorno in più a settimana rispetto alle banche.

IL CALENDARIO DEI PAGAMENTI 2018:

CATEGORIE: Economia e Politica Provincia

NOTIZIE CORRELATE