Correre in Libertà

Scarpa della Valtrebbia: vincono Radaelli e Gambaro

9 aprile 2018


Due su due. Stefano Radaelli, domenica scorsa, ha vinto anche la Scarpa della Val Trebbia, quinta prova del nostro campionato provinciale di corsa in montagna. Per Radaelli, 26 anni, lombardo di Lissone, questa è stata la seconda vittoria in poche settimane in terra piacentina: a marzo, infatti, aveva vinto anche la prova di Rivergaro, il Trail Ballando.

Il successo, però, questa volta è stato particolarmente sudato. L’atleta lombardo – che corre per una delle squadre di trail più forti d’Italia, la Valetudo di Bergamo – ha infatti dovuto lottare per tutta la gara con una pattuglia di avversari che non ha mollato fino all’ultimo chilometro. Alla fine il lombardo ha avuto la meglio, chiudendo il percorso di 35 chilometri e ben 2.070 metri di salite sui sentieri di Bobbio, Marsaglia e Coli, in 3 ore e 24 minuti. Subito alle sue spalle, però, Mauro Toniolo, pure lui del team Valetudo, è arrivato secondo sul traguardo a solo un minuto. Mentre il genovese Davide Cavalletti, che ha chiuso terzo, ha terminato la sua prova in 3 ore e 26 minuti, dunque a soli due minuti dal primo.

Senza storia, invece, la gara femminile. A dominarla è stata Simona Gambaro, anche lei di Genova che ha condotto la corsa dall’inizio alla fine, concludendo la sua prova con un ottimo tempo: 4 ore e 15 minuti e la 11esima posizione assoluta della corsa a cui hanno partecipato più di cento atleti. Seconda la piacentina Andreé Merli, portacolori del team Tre Mori, che ha chiuso in 4 ore e 48 minuti. Terza, infine, la lodigiana Valentina Soldati (Gp Codogno ’82) in 4 ore e 55 minuti.

Classifiche complete della gara e interviste ai protagonisti domani in edicola su Libertà.

GUARDA LE FOTO

CATEGORIE: Sport

NOTIZIE CORRELATE

×

Newsletter di Liberta.it

E' disponibile la newsletter di Libertà!

Per voi la possibilità di ricevere i nostri contenuti del giorno direttamente nella vostra casella e-mail.

Iscrivetevi subito! Non sono interessato, non mostrare più l'avviso