Calcio

Il Pro visiona il Pavesi per le gare interne, lite furiosa tra Fiorenzuola e Piacenza

11 ottobre 2018


Piacenza e Fiorenzuola hanno rotto in maniera brusca i rapporti societari, storicamente ottimi. A provocare indirettamente la frattura tra le due dirigenze l’interessamento del Pro Piacenza a giocare nell’impianto della Valdarda e non allo stadio Garilli le proprie gare interne del campionato di Serie C. Due gli incontri tra i rappresentanti del Pro e quelli del Fiorenzuola, l’ultimo dei quali ieri, a cui erano presenti anche il responsabile degli impianti sportivi della Lega Pro e un rappresentante della questura.
“Durante questo incontro – spiega in una nota ufficiale la società fiorenzuolana – sono state verificate, a livello pratico, le criticità in termini di sicurezza e agibilità presenti nell’impianto. Al termine i dirigenti del Pro Piacenza, prendendo atto delle opere da eseguire, si sono riservati un paio di giorni per decidere se intervenire a proprie spese per rendere usufruibile l’impianto”.
La notizia però si sarebbe presto diffusa negli ambienti calcistici locali, provocando la stizzita reazione del Piacenza, i cui vertici avrebbero gradito essere avvertiti tempestivamente, in virtù della storica collaborazione tra le due realtà. Ne sarebbe nata una serie di telefonate al vetriolo, che hanno portato non solo alla rottura dei rapporti, ma che hanno spinto il Fiorenzuola addirittura a ventilare “la possibilità di intraprendere azioni legali civili e/o penali” nei confronti del Piacenza calcio.

E il Pro Piacenza? Fedele alla strategia comunicativa di queste settimane, basata sul silenzio dei dirigenti (vedi il caso-fideiussione) ha semplicemente diramato un comunicato alle 23.25 di ieri sera in cui il presidente Maurizio Pannella “smentisce categoricamente l’eventualità di poter disputare le partite casalinghe al Comunale di Fiorenzuola. La società, rispettando il senso di appartenenza alla città e, come spesso sottolineato, vogliosa di lavorare sul territorio, non accetta speculazioni che riguardino la stessa”. Parole che appaiono in contraddizione con il confronto avviato con i dirigenti del Fiorenzuola e con i due sopralluoghi effettuati all’impianto valdardese, ma che nessuno ha voluto spiegare.
Non è tutto: da via De Longe provano anche un rilancio, invitando “le istituzioni calcistiche a vigilare sullo stato in cui versa lo stadio Leonardo Garilli dove si giocheranno tutte le partite interne della squadra. La società è a disposizione delle istituzioni cittadine per migliorare la condizione generale dell’impianto e si augura altresì che le due compagini possano affrontare con serenità e con ottimi risultati la stagione in corso”. Per adesso questi ultimi stanno arrivando. La serenità di rapporti sembra invece lontana.

IL COMUNICATO DEL PRO PIACENZA
IL COMUNICATO DEL FIORENZUOLA

 

© Copyright 2018 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE