A Zona Calcio

Abbate: “Torno per il derby”. Il patron Rossetti: “Parola d’ordine: umilità”

11 settembre 2017

“Conto di tornare in campo per il 3 dicembre se il lavoro con il mitico Jimmy Bottigelli procederà secondo i piani auspicati”. Conta di tornare proprio per il match con il “suo” Piacenza, Matteo Abbate, il difensore del Pro infortunatosi nelle scorse settimane e ospite a Zona Calcio, nella puntata di lunedì 11 settembre.

“Sì, ci eravamo lasciati pochi mesi fa con la quasi certezza di una permanenza in biancorosso, ma le cose sono cambiate in fretta. Diciamo che ho troppo rispetto per me stesso e ho scelto questa nuova strada”. Questo il commento del giocatore toscano sul suo trasferimento a sorpresa nella società del presidente Alberto Burzoni.

Nel corso della serata si è parlato anche di un’ipotesi ancora piuttosto embrionale, ma che potrebbe rientrare nei progetti futuri della società di via De Longe. “Ristrutturare il Siboni e renderlo idoneo alla serie C? Per ora si tratta di chiacchiere, ma non è da escludere che il club possa prendere questa strada” ha spiegato il giornalista Marco Villaggi.

Seconda parte di trasmissione dedicata alla serie D e al calcio dilettanti. Ospiti, nello studio di Corrado Todeschi, oltre all’opinionista e collaboratore di Libertà, Marcello Tassi, il tecnico Alfredo Mazzoni e il presidente della Vigor Carpaneto, Giuseppe Rossetti. “Non dobbiamo in alcun modo perdere l’umiltà che ci ha contraddistinto fino a questo punto, se vogliamo rimanere in una categoria che rappresenta un altro mondo rispetto all’Eccellenza” ha dichiarato il numero uno biancoazzurro.

Nel corso della puntata, anche alcune notizie di mercato: la Sannazzarese ha contattato l’ex Borgonovese Gueye, mentre Shelna sarà il prossimo portiere del Vigolo.

CATEGORIE: Telelibertà

×

Newsletter di Liberta.it

E' disponibile la newsletter di Libertà!

Per voi la possibilità di ricevere i nostri contenuti del giorno direttamente nella vostra casella e-mail.

Iscrivetevi subito! Non sono interessato, non mostrare più l'avviso