Alla scoperta del Movimento Somatico

Di Paola Miretta 14 Gennaio 2022

Un movimento somatico, in generale, è quello che viene eseguito coscientemente con l’intenzione di concentrarsi sull’esperienza interna del movimento piuttosto che sull’aspetto esterno o sul risultato del movimento.

Il termine somatico è diventato un po’ una parola d’ordine nel settore della salute e del benessere. La parola somatico significa “di o relativo al corpo vivente” ed è stata a lungo usata nella terminologia medica in espressioni come cellula somatica, sistema nervoso somatico, disturbo somatico e dolore somatico. A causa della sua definizione generica, il termine somatico può essere utilizzato per descrivere una varietà di forme di movimento e modalità di guarigione. Potresti aver sentito parlare di yoga somatico, esperienza somatica, psicologia somatica, terapia somatica o terapia di danza somatica. Potresti anche aver sentito parlare di educazione somatica!

Educazione somatica

Il termine educazione somatica è stato coniato da Thomas Hanna. Hanna ha usato il termine educazione somatica per descrivere metodi di educazione senso-motoria che utilizzano il movimento somatico per migliorare il controllo motorio e la sensazione e cambiare i modelli muscolari appresi. Molte persone trovano che i metodi di educazione al movimento somatico siano altamente efficaci nell’alleviare il dolore cronico, nel migliorare le funzioni corporee e nel riprendersi da condizioni muscoloscheletriche comuni.

Se hai mai srotolato il tappetino per un’esperienza magica come lo Yin yoga, sai che c’è fondamentalmente una regola: non fare nulla rapidamente. Lo stretching a passo di lumaca è altamente raccomandato nelle asana più riparatrici, e lo stesso vale per gli esercizi somatici, allungamenti simili allo Yin yoga, progettati per calmare il sistema nervoso chiedendoti di immergerti nelle sensazioni del tuo stesso corpo.

Secondo il compianto Thomas Louis Hanna, il teorico del movimento che ha coniato il termine, gli esercizi somatici richiedono di concentrarti su come un certo movimento ti fa sentire muovendo il tuo corpo nel modo più delicato e compassionevole possibile.

Come funziona esattamente il movimento somatico?

Per essere più efficace, un movimento somatico dovrebbe essere eseguito il più lentamente possibile. Il sistema nervoso umano, che controlla la nostra postura e il movimento, deve imparare cose nuove molto lentamente. Con la pratica, siamo in grado di accelerare gradualmente ed eseguire i movimenti più rapidamente pur mantenendo la forma e il controllo. Quando eseguiamo i movimenti velocemente, non stiamo imparando nulla di nuovo, stiamo semplicemente rafforzando i modelli appresi esistenti.

Anche un movimento somatico deve essere eseguito consapevolmente, con la nostra completa concentrazione e attenzione interna. L’attenzione cosciente è la chiave del processo di apprendimento; non possiamo imparare qualcosa di nuovo se non siamo consapevoli di quello che stiamo facendo.

I benefici del movimento somatico

Il movimento somatico è di natura esplorativa. Anche quando pratichiamo un movimento somatico con l’intenzione di migliorare la nostra postura o movimento in un modo specifico, dobbiamo comunque concentrarci sull’esperienza interna del movimento piuttosto che sul risultato finale.

 

Concentrarsi sull’esperienza e sul processo piuttosto che sul risultato finale può essere un concetto difficile da comprendere per molte persone. Ritorna a come il nostro sistema nervoso impara cose nuove. Se pratichiamo un movimento come se fosse la prima volta che lo facciamo, noteremo qualcosa di nuovo e impareremo qualcosa di nuovo ogni volta, e il processo di apprendimento sarà più efficiente ed efficace. Praticare movimenti somatici è molto diverso dal fare addominali o flessioni; non è questione di quantità, ma di qualità.

In senso generale, qualsiasi movimento può essere un movimento somatico se viene eseguito lentamente, consapevolmente e con l’intenzione di concentrarsi sull’esperienza interna del movimento.

“Muoversi lentamente dà al tuo cervello la possibilità di notare tutto ciò che sta accadendo nel tuo corpo mentre ti muovi”, ha scritto il dottor Hanna nel suo libro Somatics: Rewakening The Mind’s Control Of Movement, Flexibility, And Health. “I film a rallentatore sono essenziali nell’allenamento sportivo perché consentono agli atleti di studiare i dettagli di un movimento o di un gioco. Lo stesso vale per focalizzare l’attenzione sulle sensazioni interne dei propri movimenti: più lentamente si va, più si percepisce”, continua. Invece di studiare un fumble (o, sai, qualunque cosa accada effettivamente nel calcio), ti stai concentrando sull’allungamento del tendine del ginocchio, della schiena o di un’altra parte del corpo.

Alla fine, Hanna promette che il tuo “cervello somatico” prenderà il sopravvento e ti ritroverai un essere umano più agile e calmo. “Devi essere paziente, cercando non una soluzione rapida per il tuo corpo, ma un cambiamento genuino e duraturo nel tuo comfort, gamma di movimenti, postura e funzionamento generale. Ancora più importante, devi essere positivo nelle tue aspettative, prevedendo e mirando al miglioramento di cui sai che il tuo sistema somatico è in grado”.

La prossima settimana praticheremo insieme! 

Stay Tuned

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà