AntiGravity Fitness: salute e benessere della colonna

Di Paola Miretta 17 Luglio 2020

Oggi vi parliamo di una tecnica unica ovvero AntiGravity Fitness & Yoga, un Fusion che unisce l’arte aerea alla ginnastica, passando per il Pilates e lo Yoga (per il 60%).

Ideata dal geniale Christopher Harrison, coreografo e visionario statunitense, si è diffusa in USA negli anni ‘90 e in Europa una decina di anni fa, incarnando gli ideali del Suspension Fitness, ovvero del fitness in sospensione.

Si basa sulla distribuzione del peso del corpo tra il pavimento e amache di tessuto, ancorate al soffitto, che permettono in maniera sicura (reggono fino a 500 kg) di sperimentare l’inversione del corpo (piedi su, testa giù), una pratica antichissima dai benefici indiscussi.

Il primo tra tutti è la decompressione della colonna vertebrale: in inversione, le nostre vertebre si distanziano, guadagnando spazio tra una e l’altra. La garanzia ufficiale dell’inventore di AntiGravity è che al termine di una lezione si è tutti più alti di 2/3 cm. Questo beneficio è effettivo, anche se non cumulativo. Garantire spazio intervertebrale significa preservare la nostra colonna. Più la nostra colonna è giovane, più siamo giovani!

I benefici sono, poi, innumerevoli: refresh linfatico e circolatorio, incremento di mobilità articolare, ringiovanimento della pelle del viso, neuroplasticity, stimolo del pensiero creativo. I benefici non si limitano all’aspetto fisico, ma coinvolgono anche la sfera mentale. Come dice Christopher Harrison: “Open Up. be Free! Quando crei spazio nel tuo corpo, crei spazio nella tua mente”.

Questa attività si adatta davvero a tutti, dai bambini agli anziani: tutti possono sperimentare il movimento pluridimensionale di AntiGravity e goderne i benefici più profondi.

Vi aspettiamo anche il prossimo venerdì per una seconda puntata in compagnia di AntiGravity Fitness & Yoga e del desiderio di volare. Stay tuned!

© Copyright 2021 Editoriale Libertà