La ricotta che parla piacentino

Di Debora Saccardi 09 Settembre 2021

La ricotta apprezzata per la sua indiscussa e indubbia versatilità, nel territorio piacentino ha stabilito radici solide. Dico questo dopo l’esperienza che ho avuto al Cibus, che si è da poco conclusa. Durante questa manifestazione ho avuto modo di affiancare una nota azienda del settore caseario piacentino nella presentazione dei suoi prodotti. Mi riferisco alla Valcolatte che ha nella ricotta e nella mozzarella i suoi prodotti simbolo.

In particolare vi parlerò della loro interessante selezione di ricotta, evoluta nel rispetto della tradizione e con l’aiuto dell’innovazione. Avendo provato di persona, vi posso dire che ce n’è per tutti i gusti e per tutti gli usi!

Se come me amate la ricotta e siete cresciuti mangiando dei gustosi tortelli con la coda con ripieno preparato a regola d’arte proprio con la ricotta della “Valco”, non potete non concedervi un assaggio di queste ricotte:

–   RiCcotta “La gustosa”, realizzata secondo l’antica ricetta della famiglia Panizzi. È ideale assaporata tal quale ma anche inserita in piatti sia dolci che salati come paste ripiene, paste gratinate, sformati, torte salate, gnocchi, ciambelle, biscotti, crema di ricotta

  • RiCcotta “La tradizionale” o “Gourmet”, se volete fare un figurone con la vostra cheesecake, questo è l’ingrediente che non può mancare. La consiglierei per preparazioni dolci, magari anche di un insolito gelato o tiramisù
  • RiCcotta“Spalmabile” giusto equilibrio tra consistenza cremosa e sapore, si può usare per guarnire tartine, fette di pane, crespelle, pancakes, cupcakes, farcire bignè e sfogliatine ma anche per un’insolita merenda con frutta fresca o come condimento di una pasta. Noi l’abbiamo provata con penne, basilico e pomodorini.

Ma non finisce qui, infatti proprio da questo mese, settembre, sarà possibile gustare anche la “Rustica”, che rispetto alle ricotte precedenti ha gusto deciso, grana più grossolana, un must per antipasti. Vi consiglio di assaggiarla in purezza accompagnata da pinzimonio di verdure, frutta secca, miele, selezione di pomodorini freschi e sotto’olio.

 

 

Qualche curiosità sulla ricotta

Dal latino “recoctus”, cioè cotta due volte. Era conosciuta già da Greci ed Etruschi ma la sua diffusione comincia all’inizio del Medioevo.

Considerata un formaggio, tecnicamente non è proprio così. Infatti la procedura di realizzazione prevede l’utilizzo del siero di latte, rimasto dalla lavorazione del formaggio.

Sapevate che alcune ricotte durante la fase di lavorazione vengono arricchite con latte o panna?

La ricotta non è tutta uguale! Si può trovare in commercio fresca, stagionata, cotta al forno, affumicata, magra o grassa. Il tipo di latte usato è differente vaccino, caprino, ovino oppure misto.  La consistenza è molle ma può variare da cremosa a compatta. Il sapore? Solitamente dolce, si sposta verso il sapido nelle ricotte dure. Senza dimenticare le ricotte aromatizzate come quelle al cioccolato, al mandarino e al limone. È proprio il caso di dire a ognuno la sua ricotta!

 

 

La mia ricetta per voi: cheesecake senza cottura

Durante il Cibus, in compagnia degli studenti dell’Istituto alberghiero “G.Marcora”abbiamo proposto assaggi di cheesecake, che hanno conquistato i nostro ospiti. Pur avendo origini angloamericane, è una delle ricette in cui la ricotta è diventata protagonista assoluta. Una precisazione: non è la versione cotta ma quella che non necessita di cottura, chiamata anche cheesecake a freddo. Siete pronti per cominciare?

 

Ingredienti per 10-12 persone Quantità
Ricotta Kg 1
Panna ml 200
Colla di pesce in fogli g 12
Zucchero a velo g 85
Biscotti secchi g 200
Burro G 150
Cannella in polvere 1 cucchiaio

 

Procedimento

Sbriciolare i biscotti con l’aiuto del cutter. Fondere e chiarificare il burro.

Lavorare i biscotti frullati con il burro fuso e la cannella in polvere.

Rivestire una tortiera con carta forno. Creare la base con il composto di biscotti, livellando e pressando bene il fondo dello stampo(meglio se a cerniera).

Far riposare la base in frigorifero per circa 30 minuti.

Nel frattempo preparare la crema di ricotta. Ammollare la colla di pesce.

Lavorare con un frullino la ricotta insieme allo zucchero e 100 ml di panna, fino a quando non sarà liscia e omogenea. Scaldare la restante panna e sciogliere la colla di pesce.

Aggiungere la colla di pesce fusa nel composto di ricotta e versare tutto sopra la base di biscotti.

Riporre in frigorifero per circa 3 ore.

Servire la cheesecake con salsa a piacere.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà