Teoria Polivagale – Seconda parte

Di Paola Miretta 15 Luglio 2022

Se hai mai letto della teoria polivagale, potresti esserti sentito confuso: è complessa e le spiegazioni di Porges sulla sua teoria non sono semplici o facili da capire. In poche parole, la teoria polivagale dice che:

“Quando viene sfidata, la regolazione del sistema nervoso autonomo si degrada in sequenza a partire dai circuiti neurologici più antichi come un tentativo adattivo di sopravvivere.” – Stephen Porges, The Pocket Guide to the Polyvagal Theory.

Quando ci sentiamo al sicuro e non abbiamo bisogno di difenderci, i più recenti percorsi neurali – le vie del nervo vago mielinizzato – hanno la meglio. Questi percorsi facilitano l’interazione sociale, la crescita e il recupero. Possono anche inibire l’attivazione dei vecchi circuiti di difesa.

Se percepiamo il pericolo, il sistema nervoso simpatico prende il sopravvento ed entriamo in modalità lotta o fuga. In questo stato, entrambi i rami del nervo vago (nuovi mielinizzati e vecchi non mielinizzati) sono inibiti.

Se i nostri meccanismi di difesa di lotta o fuga non ci fanno sentire al sicuro, il sistema nervoso simpatico può essere inibito man mano che prendono il sopravvento le antiche vie vaghe non mielinizzate. Questi percorsi ci immobilizzano e possono farci svenire.

Quando le persone sperimentano stress cronico o ripetuto, possono rimanere bloccate in modalità lotta o fuga. Ciò può causare ipertensione, livelli elevati di ormoni dello stress, ansia, insonnia e una serie di altri problemi.

Quando le persone subiscono traumi, il loro sistema nervoso tende a spostarsi nella forma più primitiva di difesa – l’immobilizzazione – e rimanere bloccato lì. Ciò può portare a una serie di problematiche psicologici tra cui la dissociazione, l’evitamento e l’incapacità di comunicare, nonché problemi fisiologici cronici che coinvolgono gli organi del corpo.

I mammiferi non si sono evoluti per usare regolarmente questa forma primitiva di difesa, a questo serve il nostro sistema nervoso simpatico. Quindi, come ho spiegato prima, non siamo bravi a passare dall’immobilizzazione all’omeostasi, perché non ci siamo evoluti per doverlo fare spesso. Quando le antiche vie nervose vagali di qualcuno vengono attivate, è molto difficile per il suo sistema nervoso tornare in uno stato di equilibrio, infondendo un senso di sicurezza. L’uso di ciò che è noto sul nervo vago può consentire ai medici di aiutare meglio i loro pazienti che sono fermi in questo stato di immobilizzazione.

Come sentiamo il pericolo

Ci sono due modi in cui percepiamo il pericolo: percezione e neurocezione. La percezione richiede la nostra consapevolezza cosciente per rilevare segnali che implicano sicurezza o pericolo. Al contrario, la neurocezione (un termine coniato da Stephen Porges) descrive come il nostro sistema nervoso valuta automaticamente il rischio senza la nostra consapevolezza cosciente.

Anche se non siamo consapevoli del processo di neurocezione che si verifica nel nostro subconscio, potremmo notare consapevolmente che la nostra frequenza cardiaca rallenta o accelera, una sensazione di disagio nello stomaco o altri cambiamenti fisiologici che associamo alla sensazione di sicurezza o insicurezza.

Ricordiamo come l’80% delle fibre nervose vago sia afferente, il che significa che inviano informazioni sensoriali dal nostro corpo al nostro cervello. Quelle fibre nervose vanno al tronco cerebrale, facendo sapere al nostro sistema nervoso centrale che il nostro corpo ha virato verso uno stato diverso.

“Quando si tratta di identificare la sicurezza da una prospettiva di sopravvivenza adattiva, la “saggezza” risiede nel nostro corpo e nelle strutture del nostro sistema nervoso che funzionano al di fuori del regno della consapevolezza. Le valutazioni cognitive del rischio nell’ambiente, compresa l’identificazione di relazioni potenzialmente pericolose, svolgono un ruolo secondario rispetto alle nostre reazioni viscerali a persone e luoghi”.

Porges fa notare che la nostra neurocezione a volte può essere imprecisa. Potremmo non riuscire a rilevare il pericolo o potremmo rilevare il pericolo quando non ce n’è. Se percepiamo erroneamente il pericolo, i vecchi circuiti di difesa possono essere attivati inutilmente e il nostro sistema nervoso può rimanere bloccato in modalità di lotta o fuga o immobilizzazione.

Comunicare sicurezza e pericolo con il sistema di coinvolgimento sociale

Il sistema di coinvolgimento sociale è una rete di percorsi motori che controllano i muscoli del viso, della testa, del cuore e dei polmoni. La coordinazione e l’interazione di questi percorsi neurali ci permettono di inviare espressioni facciali e segnali corporei ad altri mammiferi. Questi segnali fanno sapere ad altri mammiferi se siamo sicuri di avvicinarci o meno. Il nervo vago è uno dei cinque nervi cranici coinvolti nel sistema di coinvolgimento sociale.

Con l’evoluzione dei mammiferi, il sistema di coinvolgimento sociale si è sviluppato come meccanismo critico di sopravvivenza. Comunicando con il nostro sistema di coinvolgimento sociale e rilevando la sicurezza e il pericolo con la neurocezione e la percezione, siamo in grado di vivere in gruppo armoniosamente e comunicare rapidamente e non verbalmente.

Essere in grado di vivere in gruppo non è solo utile, è essenziale per la sopravvivenza dei mammiferi. Ci siamo evoluti per fare affidamento sugli altri per il sostentamento e la sicurezza. Dobbiamo vivere in gruppo non solo per garantire il cibo e proteggerci fisicamente, ma anche per co-regolare il nostro stato fisiologico. La coregolamentazione significa che quando ci sentiamo al sicuro diamo spunti di sicurezza a coloro che ci circondano, aiutandoli a sentirsi al sicuro e viceversa.

Questo è il motivo per cui stare da soli può essere traumatico per i mammiferi. Come scrive Porges, “Connettersi e co-regolare con gli altri è il nostro imperativo biologico. Sperimentiamo questo imperativo come una ricerca intrinseca di sicurezza che può essere raggiunta solo attraverso relazioni sociali di successo in cui co-regolariamo il nostro comportamento e la nostra fisiologia”.

Cerchiamo istintivamente la connessione e le relazioni con altri esseri umani e animali, in particolare quelli che ci fanno sentire al sicuro, a meno che il nostro sistema nervoso non rimanga bloccato nell’antico stato rettiliano di immobilizzazione.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà