Un Edipo Re sgargiante e surreale strega il pubblico del Municipale

15 Gennaio 2013

Nel corso della storia del teatro sono state messe in scena innumerevoli versioni dell’Edipo Re di Sofocle, ma quella proposta al pubblico piacentino dalla compagnia torinese Marcido Marcidorjs, in cartellone questa sera all’interno della rassegna Altri Percorsi, è qualcosa di unico. I costumi innovativi e sgargianti (il protagonista è coperto da un vestito di mollette colorate), le scenografie suggestive e complesse (una piramide-bunker con botole e rotaie) accompagnano Edipo nella ricerca autodistruttiva di un infinito irraggiungibile. Lo spettacolo, ricco di musica, di significato (l’eterno conflitto tra vita e destino) e di momenti deliranti non lascia indifferenti e conferma come il teatro italiano sia sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo portando in scena testi millenari.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà