Itas Diatec batte Copra Elior al termine di un match spettacolo

24 Febbraio 2013

Federica Lisi ringrazia la città

AGGIORNAMENTO DELLE 19.46 – Il Copra Elior Piacenza non riesce a superare la capolista Itas Diatec Trentino. La partita al Palabanca finisce 2-3 in favore di Trento al termine di due ore ed un quarto di gioco contraddistinte da valori di grande eccellenza. Si è vista una pallavolo in cui le prime della classe hanno dimostrato tutto il loro valore, regalando al pubblico giocate da applausi.
In partenza del quinto set, quello del tie break, De Cecco sfoggia ancora la sua classe con alzate non leggibili da parte di Trento (2-1). Zlatanov centra un ace ed un punto importante (4-2) per il Copra Elior. Punto del cambio palla da parte di Trento, Simon chiude un primo tempo da manuale (5-3). Trento pareggia, Zlatanov in schiacciata riporta la sua squadra in vantaggio (6-5) poco prima dell’errore in battuta De Cecco (6-6). Holt spara sul muro la palla alzata da De Cecco che finisce fuori 7-6. Trento rivolta la situazione prima del cambio campo e torna in vantaggio (7-8). Muro vincente di Juantorena su Fei (7-9), seguito dal nuovo cambio palo su schiacciata di Zlatanov in diagonale stretta (8-9).  Lungolinea di Stokr, è decimo punto per Trento. Muro di Simon che esce di un soffio (8-11) e l’Itas Diatec si avvicina alla chiusura del set-partita. Cambio palla dopo l’errore in battuta di Juantorena ma Trento riguadagna subito il pallone (9-12). Simon “buca” muro e parquet del Palabanca, ridando speranza a Piacenza (10-12). Muro azzeccato da De Cecco (11-12) ma Trento mette a terra un primo tempo glaciale (11-13). Muro in difesa di Trento e tre match point per gli ospiti (11-14). Papi annulla il primo dei tre palloni-partita (12-14). Trento aggancia il treno giusto poco dopo, siglando il 15° punto.

AGGIORNAMENTO DELLE 19.23 – Il Copra Elior pareggia i conti: 2-2. Itas Diatec inizia in maniera pulita grazie all’ace di Juantorena. Piacenza rimette la testa davanti con il 6-5 su muro difensivo, aggiungendo poco dopo un altro punto grazie ad un colpo d’esperienza di Papi che fa esplodere il Palabanca (7-5). Primo time out tecnico con i biancorossi in vantaggio 8-6. Copra Elior che si porta sul 14-10 dopo una serie di lunghi scambi che testimoniano la grande qualità in campo. Zlatanov firma il 16-12 ed impone il secondo time out tecnico. Si va verso la fine del  set, Piacenza è davanti di cinque punti (22-17). Gran botta di Fei su alzata di De Cecco e si arriva al set point (24-18). Sei palle utili a chiudere la frazione: la seconda è quella giusta (25-19).

AGGIORNAMENTO DELLE 18.54 – Trento vince il terzo parziale e Piacenza va sotto: 1-2Ace di Simon, il secondo della partita, per il 5-4 pro biancorossi. Di nuovo grande equilibrio in campo per un punto su punto continuo. Avanti di 3 lunghezze il Copra Elior al primo time out. Piacenza, con De Cecco ed Holt, mette in difficoltà gli avversari, guadagnando qualche punto (12-7). La partita non risparmia emozioni, il gioco è bello da vedere grazie ad uno scontro di vertice tra due squadre in grande forma. Itas Diatec Trentino recupera 5 punti, pareggiando 12-12. Trento ribalta la situazione, portandosi in vantaggio di due lunghezze prima del time out tecnico (14-16). Monti chiede di rientrare con un’altra faccia, più cattiva e decisa. La musica, però, non cambia e Trento guadagna altro terreno (14-20). Itas Diatec guadagna sei set point con il 18-24. Il primo se ne va, non il secondo. Terzo parziale che finisce 19-25.

AGGIORNAMENTO DELLE 18.25 – Pareggio al termine del secondo set: 1-1. Al primo time out, Trento è in vantaggio 8-6. Valori molto vicini, tra le due squadre, fino a questo momento. I padroni di casa riescono a trovare la parità con il decimo punto, dopo prolungato turno in battuta di Holt. Il gioco in campo è spettacolare, si alternano giocate da manuale da una parte e dall’altra. Itas Diatec prova ad allungare ed arriva il secondo time out sul punteggio di 11-16 in favore degli ospiti. Doppio ace di De Cecco, il distacco si assottiglia (16-18) prima del cambio palla. Trento entra definitivamente nel corridoio del set quanto ingrana il 16-21 in suo favore, propedeutico al 18-25 finale.

Il Copra Elior in vantaggio per 1 set a 0 contro Itas Diatec Trentino. Parte deciso il Copra Elior che si porta subito sul 6-2. Al secondo time out tecnico, Piacenza è ancora avanti di 4 punti (15-11). I biancorossi dimostrano di essere in forma in questi primi minuti, con giocate in grado di farli arrivare agevolmente sul 20-14. Con Trento non si può mai abbassare la guardia, cosa che il Copra sembra riuscire a compiere (23-17). Zlatanov firma il 24-17 con sette set point utili. E’ ancora Zlatanov che mette a punto per il parziale in favore di Piacenza.

In campo, al Palabanca, Copra Elior Piacenza contro Itas Diatec Trentino. La terza in classifica di A1 sfida la copolista ed attuale campione del mondo. Tutto esaurito per uno dei big match della pallavolo italiana.

AL PALABANCA ANCHE FEDERICA LISI
Federica Lisi, la moglie di Vigor Bovolenta, è tra il pubblico di Piacenza – Trento insieme ad i suoi bambini. Poco prima del fischio d’inizio, Federica scende in campo, insieme ai suoi figli ed a quelli di Zlatanov, ringraziando società e città. “Questa è la mia seconda casa”, afferma la moglie di Vigor, scomparso per un arresto cardiaco durante la partità Forlì-Macerata, volley B2, nel marzo del 2012. “Grazie a tutti per la vicinanza sempre dimostrata: qui ho gli amici. Vedere la maglia e la curva intitolata a Bovo è l’ennesimo segnale che il mondo della pallavolo non mi lascia sola. Da pochi mesi è arrivato Andrea, il mio ultimo figlio. Ora sono i miei magnifici cinque”.

In segno di rispetto e di attaccamento nei confronti di Bovolenta, il Copra Elior ha deciso di ritirare la sua maglia, la numero 16.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà