Visita a Piacenza per Errico Auricchio, re del formaggio “made in Usa”

19 Giugno 2013

Errico Auricchio

Provolone, gorgonzola, burrata made in Usa. Materie prime a “stelle e strisce”, ma sapienza italiana nel lavorarle. E’ la chiave dello straordinario successo di Errico Auricchio che negli anni 90 è uscito dall’azienda di famiglia trasferendosi in America. Oggi vive a Miami e ha avviato la “Belgioioso”, che produce in 8 caseifici, conta 500 dipendenti e utilizza il latte delle mucche del Wisconsin, “il migliore – assicura – di tutta l’America”. Il suo credo è controcorrente in anni in cui la biodiversità, la filosofia slowfood tende a premiare i prodotti Dop fatti in Italia, le nicchie di produzione. Lui, di passaggio a Piacenza dove conserva molti amici, non si scompone: “Il valore della cultura del cibo non è nei luoghi in cui è prodotto, ma nell’uomo che lo fa. La qualità può essere esportata”. E il mercato gli dà ragione.

L’INTERVISTA SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà