Bobbio film festival, folla al debutto, Golino: “Magari un film con Bellocchio”

27 Luglio 2013

20130727-221913.jpg

L’appuntamento d’esordio della rassegna cinematografica della Valtrebbia non avrebbe potuto contare su un pubblico più affezionato e una madrina più calorosa: l’attrice e regista Valeria Golino, accompagnata dal padrone di casa Marco Bellocchio, è stata accolta con grande entusiasmo all’affollato chiostro di San Colombano, spazio che da diciassette anni ospita video e volti celebri del festival.
“Miele sta andando bene – ha raccontato Valeria Golino ai microfoni di Telelibertà, riferendosi alla pellicola che ha segnato il suo debutto alla regia, protagonista della serata- da un lato ti aspetti che non lo veda nessuno, dall’altro speri che ottenga ancora di più ma non mi posso certo lamentare”.
Al centro della storia c’è la riflessione attorno al tema del suicidio assistito, un argomento molto vicino a quello affrontato dal maestro Bellocchio nella Bella Addormentata: “Conosco e ammiro Marco da 25 anni, ho visto tutti i suoi film, ovviamente anche l’ultimo; è difficile fare un confronto, il mio ha uno sguardo più intimo mentre nel suo c’è politica attualità e tanto altro”.
“A Bobbio ero già stata dieci anni fa, insieme al regista Emanuele Crialese, erano stati giorni bellissimi – ha proseguito l’attrice – sarei contentissima di avere una parte in un’opera di Bellocchio ma se in tutti questi anni non mi ha ancora usata inizio a temere che non lo farà più” ha concluso ridendo la madrina del festival.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà