Suore Provvidenza: “Grazie ai piacentini i bimbi della Tanzania avranno una casa”

20 Agosto 2013

Prima è stato il Kenia: suor Carla Rebolini, madre generale delle suore della Provvidenza di Piacenza, per anni è stata impegnata nella provincia di Nairobi, in un’area attanagliata da miseria e povertà, dove, grazie al sostegno dei tanti donatori piacentini, è stata costruita una casa per le suore ed è stata ristrutturata una clinica a servizio degli abitanti del posto.

Progetti importanti che non hanno impedito a madre Carla d’imbarcarsi in un’altra grande impresa; l’impegno, la solidarietà e il cuore delle suore della provvidenza si sono spostati più a sud, in Tanzania, per accogliere i bambini albini della regione, respinti dalle proprie famiglie, perseguitati e uccisi da chi vede in loro una fonte di guadagno.

“La cosa è ancora in costruzione e speriamo d’inaugurarla a gennaio 2014- ha raccontato Madre Rebolini ai microfoni di Telelibertà – stiamo ospitando otto ragazzini albini ma presto ci sarà spazio anche per altri e istituiremo una scuola elementare”.

Il carisma e la volontà delle suore ha incontrato la generosità di tanti piacentini: “Non so come ringraziare tutti i donatori che, nel completo anonimato, si sono fatti avanti per dare il loro contributo – ha proseguito Madre Rebolini – grazie a loro i bambini albini, che ogni giorno rischiano la vita sulla strada, avranno una possibilità, le cure e l’affetto di cui hanno bisogno”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà