Pordenone, alpini sfilano tra gli applausi: “È sempre un brivido”

11 Maggio 2014

20140511-154714.jpg

Pordenone – Dalla nostra inviata Nicoletta Marenghi – È stato un applauso molto caloroso quello che la tribuna d’onore e i cittadini hanno dedicato alla sezione degli alpini di Piacenza, segno che l’Adunata nazionale di un anno fa è rimasta nel cuore. Un migliaio di Penne nere piacentine ha sfilato, con un’ora di anticipo sulla tabella di marcia, lungo le vie di Pordenone in occasione dell’87esima Adunata nazionale. Ad aprire il corteo, lo striscione “La primogenita” seguito dalla banda di Pontedellolio diretta dal maestro Edoardo Mazzoni, dai rappresentanti dell’Ana, tra loro il presidente attuale Lupi, l’ex presidente Plucani e il consigliere nazionale Migli; poi il presidente della Provincia Trespidi, il sindaco Dosi e numerosi primi cittadini dei comuni piacentini. Un migliaio gli alpini che orgogliosamente hanno marciato, come ogni anno, portando con sè i valori di onestà e solidarietà che li hanno fatti conoscere in tutto il mondo. “Sfilare tra gli applausi della gente è sempre un brivido” raccontano gli alpini. Il pubblico li ha ripagati con gli applausi, i cori e tanti “W Piacenza” ai quali in diversi aggiungevano “Che bella l’Adunata dell’anno scorso”. Le Penne nere hanno ringraziato e augurato buona festa a tutte le mamme.
Un altro piacentino aveva sfilato in mattinata, si tratta del presidente della sezione degli alpini di New York Luigi Covati. Una curiosità, alcuni alpini di Vernasca, in un autogrill, questa mattina sono stati intervistati dalla trasmissione Ballarò sulla situazione politica italiana. Il prossimo anno l’appuntamento è a L’Aquila.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà