Guardia di Finanza: 21 milioni di Iva evasa. Quattro truffe all’Inps

24 Giugno 2014

240o anniversario Guardia di Finanza (7)-800

In occasione della festa per il 240° anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di Finanza sono stati presentati i dati dell”attività del comando provinciale di Piacenza.

In 5 mesi, dall’inizio dell’anno ad oggi, la Guardia di Finanza di Piacenza ha eseguito 31 verifiche fiscali, scoprendo finora 10 evasori totali. E’ stata rilevata una sottrazione di base imponibile di oltre 63 milioni di euro mentre l’Iva evasa è stata superiore a 21 milioni di euro.

I reati fiscali accertati nel periodo gennaio – maggio 2014 sono stati 29, dalla omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Iva, all’emissione di fatture per operazioni inesistenti, dalla dichiarazione fraudolenta, all’occultamento o distruzione delle scritture contabili.

Controlli strumentali: sono state effettuate 890 ispezioni sul corretto rilascio degli scontrini e delle ricevute fiscali (le mancate emissioni da parte degli esercenti sono risultate 193 pari al 21,68%).

L’azione volta al contrasto dei patrimoni illecitamente accumulati, a garanzia della pretesa erariale, si è concretizzata con l’esecuzione di provvedimenti di sequestro di oltre 1 milione di euro. Inoltre sono stati proposti il sequestro di beni immobili e quote societarie ed azionarie per circa 2 milioni di euro.

Anche nel 2014 continua l’impegno dei militari al contrasto degli illeciti che provocano nocumento alla spesa pubblica nazionale e Comunitaria; nei primi 5 mesi sono stati denunciati 6 soggetti (di cui 4 per truffe all’Inps e 2 per frodi comunitarie) e complessivamente constatate indebite percezioni di finanziamenti pubblici a carico del bilancio comunitario, nazionale e/o locale, e della spesa previdenziale, per oltre 200 mila euro, e controlli sull’erogazione di contributi pari a 633 mila euro.

I danni erariali finora constatati, e segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti, ammontano ad oltre 847 mila euro.

Nel settore dei Mercati dei Capitali, continua l’impegno del corpo al contrasto al riciclaggio, e alla circolazione di banconote false.

Sono state approfondite 26 segnalazioni per operazioni sospette, effettuati 6 accertamenti patrimoniali nei confronti di soggetti condannati in via definitiva per gravi reati.

Risultati attività gennaio-maggio 2014

© Copyright 2021 Editoriale Libertà