I Sitav Lyons si divorano Prato Sesto. Il Piacenza cade a Torino. Foto

08 Marzo 2015

20150308_Lyons_Prato-5

Partita senza storia al Beltrametti dove i Sitav Lyons affossano Prato con un eloquente 89-12 che vale ovviamente la vittoria accompagnata dal punto di bonus supplementare.
Sono state ben 13 le mette siglate dai ragazzi di Rolleston con Amadasi autore di un clamoroso pokerissimo.

Cade invece il Piacenza Rugby sotto i colpi del Cus Torino: 43-36 il risultato in favore dei piemontesi, abili a ribaltare il risultato che al termnine del primo tempo vedeva i biancorossi avanti. Nel secondo tempo, ancora cartellini gialli all’indirizzo di Franchi e soci, dopodiché i torinesi ne hanno approfittato per infliggere una sconfitta facilmente preventivabile per il XV di Pagani. Al cospetto della capolista nel girone salvezza, a segno Bonatti, Hogan e Alberti.

Sitav Lyons – Prato Sesto 89-12
Sitav Lyons:
Rossi M., Albertin (15’st Pasini), Subacchi (6’st Gherardi), Mortali Mi., Amadasi, Zucconi, Colpani (1’st Cammi), Bance (1’st Benelli), Larsen, Tarantini, Fornari, Merli (15’st Prette), Staibano (1’st Grco), Silvestri, Ferri (1’st Vitiello). All: Rolleston
Prato Sesto: Turchi, Randelli (1’st Sardi), Natali (19’ Noviro L.), Nannini, Novigo (1’st Rabassi) G., Wakarua, Della Ratta, Basso, Martelli, Ciolli (10’st Calamai), Parri, Boscolo, Sonzogni (16’st Bessi), Perissa (19’st Mango), Nannini. All: Otano
Arbitro: Bolzonella di Cuneo. Cartellino giallo al 20’st per Basso.
Marcatori: 7’ mt Amadasi tr Mortali Mi. (7-0); 13’ mt Albertin tr Mortali Mi. (14-0); 16’ mt Amadasi tr Mortali Mi. (21-0); 22’ mt Amadasi tr Mortali Mi. (28-0); 38’ mt Subacchi tr Mortali (35-0); secondo tempo: 1’ mt Amadasi tr Mortali Mi. (42-0); 5’ mt Perissa (42-5); 12’ mt Greco tr Mortali Mi. (49-5); 17’ mt Amadasi (54-5); 21’ mt Fornari tr Mortali Mi. (61-5); 24’ mt Calami tr Wakarua (61-12); 26’ mt Prette tr Mortali Mi. (68-12); 31’ mt tr Mortali Mi. (75-12); 35’ mt Zucconi tr Mortali Mi. (82-12); 41’ mt Silvestri tr Mortali Mi. (89-12)

© Copyright 2021 Editoriale Libertà