Speziale non basta al Bacigalupo: Savona amara per il Pro Piacenza

14 Marzo 2015

Savona - Pro Piacenza (15)-800

Si interrompe a Savona la corsa del Pro Piacenza che riesce soltanto a dimezzare il doppio svantaggio maturato grazie alle reti di Cabeccia nel primo tempo e di Scappini in avvio di ripresa. Il secondo centro stagionale di Speziale, giunto al 57’, riaccende le speranze per i rossoneri che sfiorano il pari all’82’ con lo stesso centravanti ex Milan, sulla cui conclusione però, Rossini si supera sventando il pericolo.
Dopo tre vittorie consecutive, arriva al Bacigalupo una brutta caduta per la squadra di Franzini al cospetto di una diretta concorrente per la lotta salvezza: ora la squadra di Riolfo sorpassa Matteassi e soci che tornano al penultimo posto.
Un Pro Piacenza in campo con la formazione annunciata alla vigilia, con la sola eccezione rappresentata da Ignico schierato a destra e Porcino confermato sulla linea mediana. Schiavini è l’uomo chiamato a fare gioco, con Barba a fungere da mezz’ala; Matteassi e Alessandro sono gli ispiratori offensivi con Speziale punto di riferimento più avanzato. L’attaccante brianzolo, in avvio, avrebbe sul destro il pallone dell’immediato vantaggio ma, a tu per tu con Rossini, spara altissimo. Un errore che costerà caro al 21’: ingenuo il fallo di Schiavini sulla trequarti e Giovinco, sulla punizione susseguente, disegna la traiettoria che Cabeccia spedisce di testa alle spalle di Alfonso. Il Pro non si scompone ma il Savona riesce a tenere a bada il terzetto avanzato rossonero. Il primo tempo scivola via senza emozioni ulteriori, mentre la ripresa si apre con il gol del raddoppio: sinistro micidiale quello di Scappini, servito alla grande in verticale da D’Amico e nulla da fare per Alfonso. A questo punto il Pro reagisce e quindici minuti dopo, Speziale, di testa, approfitta dell’errore di Rossini sul campanile di Matteassi. E’ proprio Speziale, nel bene e nel male, il protagonista del match con Franzini che spedisce nella mischia sia Sane per Ignico, ma anche Caboni per Porcino. E’ però del solito Speziale la fucilata dal limite che vede Rossini intervenire con un bel colpo di reni: il Savona nonostante l’inferiorità numerica arrivata a causa del doppio giallo rimediato da Giorgione poco dopo la rete del 2-1, regge e torna alla vittoria dopo nove giornate. E dopo altrettanti turni, cade il Pro Piacenza che riassapora il gusto amaro della sconfitta.

SAVONA 2
PRO PIACENZA 1
SAVONA: Rossini, Antonelli, Speranza, Cabeccia, Marconi, Giorgione, D’Amico (80′ Bramati), Taddei, Scappini, Giovinco (89′ Frugoli), Eguelfi. All. Riolfo
PRO PIACENZA: Alfonso; Ignico (54′ Sane), Rieti, Bini, Castellana (76′ Bacher); Barba, Schiavini, Porcino (57′ Caboni); Matteassi, Speziale, Alessandro. All. Franzini (Iali, Mascolo, Marmiroli, Giovio)
Reti: 21’p.t. Cabeccia, 51′ Scappini, 64′ Speziale

29esima giornata
Lucchese-Forlì 2-0
Savona-Pro Piacenza 2-1
Teramo-Pistoiese 2-0
Prato-Pontedera 0-4
Santarcangelo-Carrarese 0-0
Gubbio-Ascoli 2-2
Spal-Grosseto 1-0
Ancona-San Marino 2-0
Pisa-L’Aquila 0-2
Tuttocuoio-Reggiana 1-1

CLASSIFICA Ascoli 57; Teramo 55; Reggiana 49; Pisa 47; Pontedera 43; Ancona e L’Aquila 42; Tuttocuoio 38; Spal, Lucchese e Carrarese 37; Gubbio 36; Pistoiese* e Grosseto (-1) 33; Santarcangelo 31; Prato 30; Forlì 29; Savona 30; Pro Piacenza (-8) 28; San Marino 23.

Notizia delle 7
Il morale è alto ma abbassare la guardia è vietato. Il Pro Piacenza dopo le tre vittorie consecutive con Reggiana, Prato e San Marino senza subire reti, è atteso da un nuovo scontro diretto per la salvezza, quello con il Savona in programma oggi alle 14.30. Il mister e la squadra sono partiti nel pomeriggio di ieri in direzione Liguria con l’obiettivo di continuare la scalata in classifica che ora li vede al terzultimo posto davanti agli avversari di oggi e al San Marino. Il Pro Piacenza ha una difesa da inventare a causa della squalifica di Silva e degli infortuni di Sall e Sane. Per quest’ultimo si sono riaccese le speranze di un recupero in extremis. Mister Franzini non ha ancora sciolto le riserve ma si potrebbe rivedere Castellana a destra, Rieti e Bini in mezzo con Porcino terzino sinistro, anche se Ignico potrebbe uscire dalla naftalina. Bacher con Barba e Schiavini a centrocampo, Mateassi, Speziale e Alessandro trio d’attacco. Il Savona all’andata si impose al Garilli 1-0 ma da allora sono cambiate tante cose, tra le quali l’allenatore. “Sì, sono cambiate alcune cose ma resta una squadra pericolosa, formata da giocatori che hanno trascorsi in serie B, quindi non possiamo abbassare la guardia” il monito di Arnaldo Franzini, al solito sempre attento a mantenere altissima la tensione all’interno del gruppo.
Nel frattempo, si è aggregato al gruppo rossonero Andrea Corduri: si tratta di un centrocampista offensivo classe 93 proveniente dalla Pro Vercelli. Il ragazzo è partito per Savona.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà