Il Copra chiude con una sconfitta interna la stagione maledetta: Trento passa 3-0

04 Aprile 2015

È finito con una sconfitta interna, l’ennesima di una stagione maledetta caratterizzata da problemi dentro e soprattutto fuori dal campo, il campionato del Copra Volley. A passare per 3-0 è stata la grande rivale degli ultimi anni, Trento, contro cui Zlatanov e compagni hanno lottato solo nel secondo set, perso 33-31. Niente storia, invece, nel primo (25-14) e nel terzo (25-16).

Ora l’attenzione di tifosi e appassionati, che non hanno fatto mandare il loro affetto a giocatori e dirigenza, si concentra sulle vicende societarie, sperando che questa sia stata solo l’ultima partita a stagione e non della gloriosa storia del Copra Volley Piacenza.

COPRA ALL’ULTIMA DI CAMPIONATO: ARRIVEDERCI  O ADDIO? – Potrebbe esserci anche qualche lacrima a solcare i volti degli appassionati tifosi biancorossi del Copra che, ancora una volta, arrivano al termine di una stagione portandosi appresso tantissimi interrogativi e dubbi circa il futuro della società del presidente Molinaroli. Alle 20.30, il Palbanca accenderà i riflettori per l’ultima volta in campionato e lo farà per illuminare la sfida con i rivali di sempre, ovvero Trento.
Sarà con tutta probabilità l’ultima assoluta di Samuele Papi che, dopo 25 anni, sembra intenzionato ad abbandonare il volley dopo una carriera straordinaria. L’epilogo sul campo di “o Fenomeno” non sarà impreziosito dalla partecipazione ai play off che non vedranno il Copra protagonista al termine di una stagione assai turbolenta, culminata con il cambio di guida tecnica. Nemmeno l’allontanamento di Radici e la promozione di Camperi sulla panchina piacentina ha portato i frutti sperati: per il Copra un finale nell’anonimato e con la prospettiva ben poco incoraggiante di un’altra estate di passione a caccia di risorse per proseguire l’avventura. Di certo uno scenario che non meriterebbero i tifosi che oggi saranno presenti in massa per spingere Zlatanov e soci verso una vittoria che avrebbe valore zero per la classifica, ma che rappresenterebbe regalo autentico per il tifo piacentino.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà