La Placentia Half Marathon è ancora di Lokomwa e Jelagat. Foto

08 Maggio 2016

MARATHON56 (39)-1000

E’ ancora James Thomas Lokomwa il re della Placentia Half Marathon 2016 vincitore per la terza vittoria consecutiva con il tempo di 1 ora 0 minuti e 56 secondi. “C’era molto vento, mi è piaciuto il nuovo tracciato” le sue prime parole al traguardo. Secondo arrivato Simon Muthoni (1h 1′ 19″), terzo classificato Robert Kirui (1h 03′ 13″).

Tra le donne è ancora Viola Jelagat ad aggiudicarsi il primo posto con il tempo di 1 ora 11 minuti e 10 secondi”. “Percorso un po’ difficile: bello ma troppe salite”.
Sul secondo gradino del podio Caroline Cherono (1h 15′ 40″), terza Daneja Grandovec (1h 17′ 57″).

Il podio piacentino – Claudio Tanzi è il primo dei piacentini arrivati al traguardo incalzato da Matteo Aruzzoli. Terzo Paolo Minniti. Tra le donne piacentine la prima arrivata è Gisella Locardi.

Praticamente unanime il giudizio sul nuovo tracciato, considerato molto bello e ben organizzato.

La gara, lunga 21,097 km tutti in territorio cittadino e alla quale gli iscritti sono stati circa 2mila, è partita alle 9.30 da piazza Cittadella e tutto è filato liscio; unico neo, non imputabile all’ottima organizzazione, il vento, che ha impedito agli atleti di realizzare tempi migliori, e di realizzare il record della manifestazione.

Una nota curiosa: dopo la metà gara l’improvvisa mancanza di un pacer maker che ha dovuto abbandonare, ha costretto gli atleti ad organizzarsi tra di loro per mantenere l’andatura.

Riflettori puntati anche sul Facsal e via Giordani, dove alle 9.45 sono partite la Camminata delle Associazioni e la Minimaratona Pedibus. Alle 9, invece, l’iniziativa della Croce Rossa Italiana di Piacenza: i bambini partecipanti sono stati invitati a portare generi alimentari non deperibili che saranno devoluti alle famiglie più bisognose.

Tutto l’incasso raccolto nella Placentia Half Marathon 2016, 800mila euro, sarà devoluto all’Unicef.

La manifestazione è stata seguita in diretta tv da Telelibertà.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà