PlayStation Vr 2, la realtà virtuale ha futuro (ma a che prezzo)

Di Andrea Peroni 03 Novembre 2022

Vai alla pagina principale di Gaming

A differenza di Microsoft e Nintendo, che fino a oggi si sono occupate perlopiù di esperienze legate alla realtà aumentata ma senza spingersi troppo oltre, Sony è ancora fortemente convinta di ampliare il proprio bacino d’utenza grazie alla realtà virtuale. Non ha dunque sorpreso la notizia, risalente al 2021, dello sviluppo da parte dell’azienda nipponica di una nuovissima versione hardware di PlayStation Vr, in grado di assecondare le nuove tecnologie. Peccato solo che il prezzo non sia proprio un biglietto da visita invitante per chiunque.

Nella giornata di mercoledì, Sony ha infatti rivelato la data di uscita, il prezzo e i primi dettagli sulla line up di lancio di PlayStation Vr 2, che uscirà sul mercato il 15 febbraio 2022. Una finestra di lancio che più persone ipotizzavano, vuoi per le informazioni trapelate da Sony, vuoi per il periodo ancora povero di grandi uscite, che in qualche modo potrebbe convincere i consumatori a dare una nuova chance a Ps Vr 2. A tutti? Probabilmente, no: il nuovo visore per la realtà virtuale costerà infatti 599 euro nella sua versione base (e priva di videogiochi), che a conti fatti sono più del prezzo attuale di una PlayStation 5 anche dopo gli aumenti di agosto.

La tecnologia della realtà virtuale, purtroppo si sa, è ancora terribilmente costosa. Un Htc Vive varia tra i 700 e gli 800 euro come prezzo di vendita, mentre Oculus Rift sorpassa il muro delle migliaia. Dal canto suo, mossa già adottata per la prima versione del visore, Sony cerca ancora una volta di proporre un’alternativa più economica ma comunque valida per la sua realtà virtuale, puntando anche sui grandi nomi. Ad accompagnare l’uscita di PS Vr 2 sarà infatti Horizon: Call of the Mountain, brillante esperienza in prima persona realizzata da Firesprite e ambientata nel franchise di Zero Dawn e Forbidden West. I pochi fortunati che hanno già avuto modo di testare il titolo parlano di un gioco ricchissimo di dettagli ed estremamente immersivo, componenti fondamentali se parliamo di un’esperienza in Vr nel 2022 – ormai 2023.

Non sarà però semplice. Se già il primo PlayStation Vr ha incontrato lo scoglio del prezzo, sotto il quale evidentemente Sony non poteva scendere, questa seconda versione parte ancor più svantaggiata, seppur le tecnologie messe in campo siano ancor più ambiziose tra i controller Sense, che si rifanno ai Dualsense, e lo snellimento della silhouette del visore. Circolano inoltre voci secondo cui Ps Vr 2 potrebbe anche accogliere Half Life: Alyx, considerato oggi la massima espressione di questo genere, ma che non tutti hanno potuto giocare e non tutti potranno giocare. Tradotto: la realtà virtuale continuerà ad avere un futuro, ma si tratta di un futuro che non è alla portata di tutti. E poi, PS VR 2 richiede una Ps5 per essere utilizzato. Console che, al pari di Xbox Series X, risulta praticamente introvabile a causa dei soliti problemi nella produzione. E a quel punto, come si fa?

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà