Piacenza

Spending review partecipata, solo tre segnalazioni sul sito del Comune

10 ottobre 2012

Spending review, si sta rivelando un clamoroso flop l’iniziativa del Comune di chiedere ai cittadini suggerimenti e idee contro gli sprechi e per indirizzare meglio la spesa.
Lunedì scorso sul sito internet del Comune è stata aperta un’apposita sezione attraverso la quale chiunque può avanzare la propria proposta: in tre giorni ne sono arrivate solo tre.
La prima è stata quella di Giacomo: “Buongiorno, sono residente in via Stradella, dove vige il divieto di sosta dalle 8 alle 12 per la pulizia delle strade. A parte la durata che mi pare eccessiva dato i modi e i mezzi con cui viene fatta, volevo segnalare che la stessa viene effettuata ben prima delle 8 (7,15-7,30), con ancora tantissime macchine posteggiate (anche per le scuole), rendendo di fatto inutile tale operazione. Una proposta che mi sento di fare è quella di posticipare tale pulizia, dalle 9 in poi la gente è al lavoro ed ha comunque portato i bimbi a scuola, la strada è di fatto libera dalle molte auto posteggiate al mattino presto”.
Massimo ha lanciato invece un’altra idea: “Per cominciare a risparmiare energia si potrebbe rinunciare all’illuminazione pubblica a scopo estetico, mi riferisco in particolare all’illuminazione di Palazzo Farnese, del ponte sul Po e delle mura farnesiane”.
Più polemico, ma comunque sempre nell’alveo della correttezza, il post di Claudio: “Da anni vengono elargiti i buoni per l’acquisto dei libri di testo senza nessuna pezza giustificativa, ma solamente con controlli a campione. Mi sembra ora di cambiare il sistema inserendo come allegato alla domanda la richiesta di ricevuta fiscale o fattura. Tutto questo per evitare (come succede) che tali contributi vengano utilizzati per acquisto di cellulari o altro”.
Tutto qui. La partecipazione chiesta dal Comune si scontra quindi con il totale disinteresse dei piacentini e con quella dei dipendenti di Palazzo Mercanti: anche a loro era infatti data la possibilità di intervenire, ma a quanto pare per il momento quasi nessuno lo ha fatto.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza