Vendola lancia la sfida a Monti: “L’Italia ha bisogno di noi, non di lui”

27 Gennaio 2013

20130127-211532.jpg

Il leader di Sel Nichi Vendola ha fatto tappa a Piacenza, in un affollato auditorium Sant’Ilario, per presentare i programmi della lista che vede candidati anche tre piacentini in Emilia Romagna: Emanuela Schiaffonati e Michele Rizzitiello correranno per la Camera, Giuseppe Mori per il Senato.
“Il mio avversario è Monti, con il suo governo dei banchieri e dei tecnocrati che ha fatto male all’Italia e che lui vorrebbe riproporre”, ha detto il governatore della Puglia.
Gran parte dell’intervento di Vendola è stato però dedicato alle parole di Silvio Berlusconi in occasione della Giornata della Memoria: “Non è accettabile che si aggiunga al coro di negazionisti per ottenere i voti di Casa Pound, in queste parole di esaltazione di Mussolini c’è tutta la visione della politica sua e dei suoi sostenitori. Giovanardi che invece nega l’Olocausto degli omosessuali è un pericoloso ignorante, che dovrebbe imparare la storia e andare ad Auschwitz per capire ciò che è successo. Sono di falsari e lo confermano ogni volta”.
Il caso Mps vi penalizzerà? “Spero di no – ha risposto – perché non c’è collegamento tra quanto accaduto e il Pd”.
Infine, una battuta su Rivoluzione civile di Antonio Ingroia: “Non ho capito cosa propongono lui, ciò che resta dell’Idv e di Di Pietro, di tutti quelli che ne fanno parte. Per adesso la loro attività si limita ad attaccare noi”.
In platea, anche la parlamentare del Pd Paola De Micheli e il segretario provinciale democratico Vittorio Silva.

20130127-211839.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà