Piacenza

Bilancio della Provincia, la Corte dei conti chiede chiarezza

1 marzo 2013

AGGIORNAMENTO DELLE 16.35 – La Provincia si è difesa sottolineando due punti: il primo è che il referto non rileva irregolarità contabili e, secondo, che la Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti ha segnalato unicamente in funzione “collaborativa” alcune criticità che ritiene non chiarite sufficientemente. E cioè: dall’entrata in vigore della norma (articolo 9 del Decreto 78 del 2010), l’ente non ha più effettuato assunzioni a tempo determinato. “La Sezione comprende la difficoltà di adeguamento immediato – ha detto la direzione -, tanto che scrive l’osservazione perché sia vagliata nella gestione dei bilanci futuri”. Sulla mancata costituzione del fondo per la contrattazione integrativa, “Il fondo è stato costituito prima della consegna del referto, il contratto integrativo è stato sottoscritto e inviato agli Organi di controllo senza rilievi”.

NOTIZIA DELLE 15.50 – Doccia fredda sul consiglio provinciale. La Corte dei Conti ha rilevato irregolarità nel bilancio preventivo approvato dalla Provincia di Piacenza. L’annuncio è stato dato dal presidente del consiglio provinciale, Roberto Pasquali. “Non è stato costituito il fondo integrativo per il personale – ha commentato Pierluigi Caminati del Pd – in un momento in cui gli enti locali hanno il blocco dei contratti, questo fondo si usa prevalentemente per tutti quei livelli contrattuali medio bassi. Credo che questa relazione della Corte dei Conti costituisca un fatto davvero negativo, ancora una volta segnale di una grande carenza nell’amministrare il personale di questa Provincia”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza Provincia

NOTIZIE CORRELATE