Casermetta del Facsal, il Comune sta pensando all’esproprio

06 Marzo 2013

La casermetta recintata

Il Comune di Piacenza sta pensando molto seriamente di espropriare la casermetta contraerea sul Facsal e il terreno di sua pertinenza. Il caso è scoppiato in questi giorni, con i cittadini della zona che hanno invocato l’intervento dell’amministrazione dopo aver perso il ricorso in tribunale contro il privato che ha legittimamente acquistato immobile e terra. “Quegli atti sono regolari – spiega l’assessore Silvio Bisotti – e comunque non ci sarà più modo di usare lo spazio per il parcheggio delle auto, come avvenuto per anni. Il privato sull’immobile può intervenire solo con opere di manutenzione, non ci realizzerà mai un palazzo o altre residenze. Ma visto che la destinazione stabilita dal consiglio comunale per la casermetta è di struttura aggregativa al servizio degli anziani, potremmo valutare la sua acquisizione per raggiungere questa finalità. Ne parleremo in giunta, la questione è ovviamente legata al reperimento delle risorse”. Il professionista che ha vinto l’asta del Demanio ha speso 90mila euro, Palazzo Mercanti è certa che l’esproprio non costerebbe molto di più: una cifra non impossibile, quindi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà