Comune: bilancio 2012 approvato. Contro centrodestra e grillini

29 Aprile 2013

E’ stato approvato il bilancio consuntivo 2012 del Comune di Piacenza dopo un’accesa discussione in consiglio. Maggioranza favorevole, hanno votato contro centrodestra e grillini. Astenuto Filiberto Putzu (Pdl).

Notizia delle 17.45 – Sono state l’imposta comunale sugli immobili e i presunti sprechi dell’amministrazione i principali argomenti di critica dell’opposizione nel corso del consiglio comunale di oggi, dedicato all’approvazione del bilancio consuntivo 2012, chiuso con 7 milioni di avanzo (in gran parte destinato ai 5 milioni di euro di mancate entrate proprio dell’Imu). Dopo la illustrazione da parte dall’assessore Pierangelo Romersi (il quale ha sottolineato come il bilancio rispetti tutti in parametri e sia da considerare virtuoso), ha preso la parola Tommaso Foti di Fratelli d’Italia: “Tre anni fa con meno entrate si faceva il doppio degli investimenti, oggi il Comune è un mero erogatore di servizi. Si potrebbe pensare a voucher per gli stessi servizi al fine di razionalizzare la spesa e aumentare le prestazioni. L’Imu è un mistero buffo: oggi con questa sola imposta si incassano sette milioni in più rispetto a quando c’erano l’Ici e tutte le altre tasse abolite. Anche senza quella sulla prima casa, il livello sarebbe pari a quello del passato: significa che la pressione fiscale è molto aumentata, senza però che i piacentini si siano accorti di un miglioramento”.
Marco Tassi del Pdl ha attaccato la giunta: “Il governo ha annunciato che toglierà l’Imu? Sarete contenti perché in caso contrario avreste dovuto aumentarla. Gli sprechi restano tanti, l’amministrazione è immobile, deve cambiare passo per rispondere alle esigenze dei cittadini”.
“Avvocato della difesa” del sindaco Paolo Dosi è stato il democratico Christian Fiazza: “Forse questa amministrazione non ha l’impeto di quella guidata da Roberto Reggi, ma è molto apprezzata dai cittadini per la capacità di ascolto e l’attenzione ai bisogno dei più deboli. Una forza tranquilla che risolve tanti problemi ogni giorno”.

In sede di comunicazioni, Guglielmo Zucconi (Piacentini per Dosi) ha invitato il Comune a interessarsi dei dipendenti piacentini di Copra Dimensione Sociale (che da tre anni non fa più parte della galassia della omonima coop piacentina): “A marzo coloro che lavorano all’ospizio Vittorio Emanuele hanno percepito il 40 per cento dello stipendio e non hanno ancora certezze per il futuro: chi di dovere se ne occupi, perchè c’è da salvaguardare l’occupazione di decine di persone e la qualità dei servizi agli anziani che questi lavoratori garantiscono”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà