Il “Villaggio alpino” cerca 50 camerieri e baristi piacentini

04 Maggio 2013

L’allestimento del Villaggio alpino

A meno di una settimana dall’apertura dell’Adunata nazionale del 10-12 maggio prende forma il “Villaggio alpino” che occuperà il posteggio del Pubblico Passeggio. Seimila metri quadrati di stand con 4mila posti a sedere, ristoranti che offriranno menù di tutti i tipi e due cisterne da 15mila litri di birra ciascuna, oltre a un palco con tanto di tribunetta adiacente per gli spettacoli musicali. Uno sforzo enorme, che ha bisogno anche dei piacentini: i responsabili (le ditte Mazzuccato Food&Service e Vanni Catering) cercano infatti una cinquantina di persone, in prevalenza giovani, da far lavorare nei quattro giorni dell’Adunata, dal giovedì alla domenica: “Lunedì inizieremo le selezioni – spiega Guido Mazzuccato – chiunque fosse interessato potrà presentarsi direttamente qui, portare il curriculum e sostenere un breve colloquio. E’ un modo che abbiamo per aiutare la comunità che ci ospita, molti si lamentano della mancanza di lavoro, noi diamo una opportunità”. Che sarà anche ben remunerata: camerieri e baristi potrebbero arrivare anche a guadagnare 500 euro per i quattro giorni di lavoro, ovviamente dipenderà dalle ore in cui saranno impegnati.

E i ristoratori piacentini? A quanto pare nessuno si lamenta, neppure quelli proprio a ridosso del “Villaggio”. “Credo che ci sarà da lavorare per tutti – afferma Cristian Baldini – anzi, ci vorrebbe un evento così ogni anno”.

Guido Mazzuccato

Cristian Baldini

© Copyright 2021 Editoriale Libertà