Proposta in consiglio comunale: “Intitolare un’area verde all’Adunata”

13 Maggio 2013

20130513-162046.jpg

La grande Adunata nazionale degli alpini ha tenuto banco anche in consiglio comunale. A sorpresa, il primo a dirsi soddisfatto della riuscita è stato Carlo Pallavicini (Sinistra per Piacenza): “E’ noto che non ho particolare simpatia per esercito e divise militari, ma sono stati giorni di una bella festa. Ho visto un clima di sicurezza nelle strade, sia da esempio anche per il futuro: nuove zone pedonali, ad esempio a quartiere Roma, potrebbero ricreare lo stesso effetto”.
Roberto Colla (Moderati) ha lanciato una proposta: “Dobbiamo ringraziare gli alpini e anche i piacentini, la città e il centro storico hanno dato il meglio di sè, la partecipazione dei cittadini è stata straordinaria. Presenteremo a breve una mozione per ricordare questo evento in modo permanente”. L’idea sarebbe intitolare un’area verde all’Adunata.
Filiberto Putzu ha ringraziato l’amministrazione attuale e quella precedente per l’organizzazione, rivelando “una certa nostalgia perché le penne nere se ne sono andate”. Anch’egli si è detto molto contento di aver goduto di un centro storico senza auto.
Parole di forte apprezzamento per l’evento sono arrivate da Andrea Gabbiani per il Movimento 5 Stelle, Paolo Garetti di Sveglia, Giovanni Botti e Andrea Paparo del Pdl, Massimo Polledri della Lega nord, Daniel Negri e Giulia Piroli del Pd, Tommaso Foti di Fratelli d’Italia e Samuele Raggi dell’Idv. Ha suscitato reazioni contrarie dell’opposizione e anche di parte della maggioranza l’intervento di Giovanni Castagnetti (Piacentini per Dosi): “Complimenti all’organizzazione, Piacenza ha retto bene. Purtroppo c’erano molti venditori abusivi e non ho visto in giro nessuna pattuglia della guardia di finanza. E poi mi pare che sia passato anche un messaggio sbagliato: bene la festa, ma le armi messe in mostra dagli alpini ammazzano la gente, non è giusto metterle in mano ai bambini neppure per gioco”.

20130513-162106.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà