Acqua pubblica, Iren replica: “Completato l’85% degli investimenti”

17 Maggio 2013

20130516-202250.jpg

Tra il 2008 e il 2023 sono previsti a favore del settore idrico dell’area di Piacenza investimenti per circa 247 milioni di euro. Iren difende se stessa e i suoi 250 lavoratori con questa promessa, contestando la decisione di Piacenza di valutare un possibile affidamento del servizio idrico a un soggetto pubblico. “Nel quinquennio compreso tra il 2008 e il 2012, abbiamo realizzato l’85 per cento degli investimenti pianificati, rispetto a una media italiana che non supera solitamente il cinquanta per cento – commenta Eugenio Bertolini, direttore operativo di Iren Emilia -. All’interno della rete idrica di 4.330 chilometri va perduto solo il dieci per cento di acqua, a differenza di quanto accadeva in passato. L’ammontare attuale degli investimenti che vengono realizzati sul ciclo colloca la Provincia di Piacenza fra le prime posizioni in Italia: ogni anno infatti vengono investiti sulle infrastrutture di acquedotto, fognatura e depurazione oltre 62 euro per abitante, contro i 37,36 euro per abitante della media italiana e i 43,51 euro per abitante dell’Emilia-Romagna”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà