Comune, entro il 2015 arriveranno 45 pensionamenti ma solo 19 assunzioni

30 Maggio 2013

Palazzo Mercanti, sede del Comune di Piacenza

Continua l’emorragia di dipendenti comunali: oggi sono 672, entro il 2015 andranno in pensione 45 lavoratori di Palazzo Mercanti, a cui si sommano i 25 che lo hanno già fatto nel 2012. Il totale 2012-2015 è di 70 cessazioni. Ma non ci saranno altrettante persone a sostituirli.
L’amministrazione ha fatto una ricognizione tra i vari settori della macchina comunale e ha stabilito che il fabbisogno di personale è di 78 unità. Una cifra solo teorica, perché i paletti di legge in materia di assunzioni nelle pubbliche amministrazioni sono molto rigidi, quindi il Comune di Piacenza nel triennio 2013-2015 potrà effettuarne solamente 19.
Ben 15 arriveranno nell’anno in corso, tra cui quella del comandante della polizia municipale, per cui negli ultimi mesi dell’anno dovrebbe essere pubblicato il concorso. Per il resto poco altro: nel 2013 arriveranno anche un dirigente area sociale, 1 operatore tecnico, 1 analista programmatore, 1 operatore contabile, 1 addetto amministrativo e 9 educatori.
Nel 2014 è previsto invece l’arrivo di due dirigenti, tra cui uno di area sociale e nel 2015 di altri due dirigenti.
Per tutti e tre gli anni il Comune precisa che “sarà garantita la continuità dei servizi per l’infanzia, mediante le assunzioni di personale educatore a tempo determinato, per la copertura dei posti necessari ad assicurare il rapporto bambini/educatori negli asili nido gestiti in forma diretta. Tali assunzioni saranno necessariamente contenute nei limiti al tempo definiti dalla relativa legge di stabilità”.
A fine 2015, quindi, i dipendenti comunali dovrebbero scendere da 672 a 646, con un saldo negativo di 26 unità.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà