Coldiretti, contro la crisi nasce UeCoop E-R. Oltre 40 i cooperatori piacentini

09 Luglio 2013

Il presidente nazionale di Coldiretti e UeCoop, Sergio Marini

“E’ con orgoglio che ieri abbiamo partecipato attivamente alla prima assemblea della centrale cooperativa UeCoop Emilia Romagna promossa da Coldiretti”. Così il responsabile provinciale di UeCoop Piacenza Giovanni Morini commenta la presenza di oltre 40 cooperatori piacentini a questo evento straordinario.

“Esempi significativi che sono stati anche esposti in mostra: dalla cooperativa emiliana di gestione servizi che cura la navigazione sul Po, ad Agripiace con il Grana Padano Bio, unico esempio in Italia fino al pomodoro dell’Arp e agli strumenti musicali a rappresentare le cooperative della musica. Ovviamente, prosegue Morini, non potevano mancare i nostri vini. Il nettare di Bacco della Cantina Valtidone e della Cantina Vicobarone hanno accompagnato l’aperitivo conclusivo dell’incontro”

E’ una presenza significativa quella di UeCoop Emilia Romagna; si va dal più grande consorzio agrario d’Italia, Cap Emilia con 433 milioni di euro di fatturato; alla piccola cooperativa, “Gas 29”, di artigiani che costruisce mountain bike d’alto livello fino alla cooperativa “Teatrovivo” specializzato in spettacoli della Commedia dell’Arte. La prima assemblea di UeCoop, (Unione Europea delle cooperative) Emilia Romagna ha subito messo in mostra l’ampia gamma di settori in cui opera la nuova centrale cooperativa promossa da Coldiretti.

“Il nostro obiettivo, ha detto il presidente nazionale di Coldiretti e UeCoop, Sergio Marini, è dare un contributo positivo a tutto il Paese, a partire innanzitutto dalla solidarietà e sussidiarietà che sono i valori alla base della cooperazione. In una situazione economica e sociale di crisi e di sfiducia, dobbiamo rimettere al centro delle nostre azioni la persona e le sue aspirazioni, per ridare speranza e prospettive a chi vuole lavorare per un Paese migliore, dove vivere e stare meglio tutti insieme. Lo vogliamo fare, ha proseguito Marini, puntando sulle ricchezze e le risorse tipiche del nostro Paese, in particolare in territorio, il paesaggio, la cultura, il cibo, in una parola; tutti i caratteri distintivi che fanno unico il nostro Paese. E’ chiaro: siamo in un momento economicamente e socialmente difficile che per crescere e per capire impone di trovare maggior forza in uno spirito cooperativo, nella coscienza che la cooperazione è sorta per fare ogni singolo più forte e maggiormente in grado di cresce e non per sovrastarlo”.

A pochi mesi dalla nascita, UeCoop conta già oltre 4.000 cooperative a livello nazionale, mentre in Emilia Romagna hanno già aderito oltre 250 cooperative. Tra gli oltre 400 cooperatori che hanno partecipato alla prima assemblea, erano presenti anche i dirigenti della Fortitudo Baseball di Bologna, squadra Campione d’Europa 2012, che ha nuovamente conquistato la finale di Coppa Campioni che sarà disputata il prossimo mese di agosto. La Fortitudo ha per l’occasione regalato a Marini la maglia della squadra.

“Siamo assolutamente convinti, conclude Morini, che questa nuova sfida potrà dare nuova linfa e opportunità alle strutture piacentine che si ritrova nella vera cooperazione, quella “pulita” che ha nell’interesse dei soci e del territorio la propria mission”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà